Nuova sanitaria
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

cittprotag01Comunicato stampa Cittadini Protagonisti - Todi.

Dopo l'esperienza del primo mandato Ruggiano in cui si attribuì una delega specifica al consigliere di maggioranza Mario Epifani, in questi giorni si è tornato prepotentemente a parlare di decoro urbano. Lo spettacolo poco edificante di vetrine chiuse e trascurate che interessa buona parte del corso principale della nostra città è sotto gli occhi di tutti. Floriano Pizzichini, consigliere di minoranza di Todi Civica, ed i Tuderti Cinque Stelle hanno avanzato delle proposte per porre rimedio all' attuale stato di degrado. Il primo lo ha fatto presentando una mozione in consiglio comunale, gli altri, non avendo rappresentanti nella massima assise cittadina, hanno presentato una loro proposta agli assessori Ranchicchio e Marta.

 

La prima proposta suggerisce di applicare dei pannelli rigidi removibili alle vetrine da "impreziosire" con dei manifesti raffiguranti immagini del patrimonio artistico, storico e culturale cittadino l'altra suggerisce di ospitare all'interno dei locali opere artistiche realizzate dagli studenti dei Licei artistici del territorio.

Ci sembra che le due proposte qualora l'Amministrazione decidesse di aderire possano essere considerate come due proposte complementari.

Il punto di forza della proposta avanzata da Todi Civica è sicuramente la velocità oltre che l'economicità di realizzazione. Due, tre settimane possono bastare e gli importi da impegnare difficilmente raggiungeranno i tre zeri.

Riteniamo perlomeno burocraticamente più impegnativa quella avanzata dai Tuderti 5 Stelle ma con l'innegabile vantaggio di rendere "vivi", tra l'altro valorizzandoli, degli spazi inutilizzati.

Se vogliamo cercare, come ogni buon tuderte è solito fare, il pelo nell'uovo,ci sembra forse un pò riduttiva l'idea di "appaltare" tali spazi ad esclusivo uso espositivo delle creazione delle opere degli studenti dei licei artistici del comprensorio che ci sembra dal documento si pensi principalmente all'ottimo liceo "Alpinolo Magnini" di Deruta.

Perchè non pensare a questi spazi anche come vetrine per la promozione delle eccellenze del nostro territorio?

Penso ai nostri prodotti enogastronomici, ma anche al nostro artigianato ed anche alla promozione delle bellezze del nostro territorio che non è solo centro storico. Abbiamo parlato di promozione e non di commercio. E' chiaro che si deve porre molta attenzione ad evitare "concorrenza sleale" per le altre eccellenti attività presenti per non rischiare che la toppa diventi peggiore del buco. Per esempio per l'enogastronomico si può pensare alla presentazione delle aziende, dei prodotti e della rete distributiva, a delle degustazioni magari accompagnate dal rilascio di buoni promozionali offerti dalle aziende produttrici per l'acquisto dei prodotti nelle attività commerciali già presenti sul territorio e non solo, che inevitabilmente dovranno essere coinvolte.

Ci sembra interessante valutare anche l'opportunità di offrire una vetrina anche al nostro bellissimo territorio, i nostri borghi, lasciati da sempre ai margini dei flussi turistici che si sono colpevolmente indirizzati solo all'interno del primo cerchio delle mura o poco oltre.

E quel poco di artigianato locale che è rimasto non è forse meritevole di uscire dal chiuso delle botteghe per provare a favorirne il rilancio?

Alcune persone con cui mi sono confrontato si sono dimostrate scettiche sull'adesione dei proprietari degli immobili al progetto. E' chiaro, un'amministrazione non può espropriare dei beni privati, ma è altrettanto chiaro, a mio avviso, che può disporre di alcuni strumenti che possono favorire il raggiungimento dell'obbiettivo e che sicuramente i nostri capaci amministratori sapranno ben individuare. Senza considerare che un locale "attivo" sicuramente si valorizza sul mercato immobiliare. E questo i proprietari lo sanno bene.

Comunque se, come ci dicono, l'opposizione avanza proposte costruttive e l'amministrazione apprezza, forse finalmente siamo sulla strada giusta.

Commenti   

#19 luca 2018-09-13 19:18
No ciascuna amministrazione NON PUO' NE' DEVE utilizzare le risorse "come meglio crede" perché sta utilizzando soldi pubblici che provengono dalle tasse che ogni cittadino paga. Quindi OGNI AMMINISTRAZIONE ha il DOVERE di impiegare le risorse con quella che la magistratura definisce "diligenza del buon padre di famiglia".
Quali? Per esempio la rotonda di Porta Romana, realizzata dalla giunta Ruggiano in modo che non necessitasse di manutenzione costante e smantellata e rifatta dalla giunta Rossini in modo che necessiti di costante manutenzione.
Proposte? Casapound, ovviamente, ed il suo programma.
Lei, oltre a difendere i suoi indifendibili beniamini cosa sa fare?
Citazione | Segnala all'amministratore
#18 mpierdomenico 2018-09-13 07:29
Luca, mi space ma non sono d'accordo con lei in quanto: 1. non amo accusare in modo generico quindi "è colpa della sinistra"? Può essere, di errori ne sono stati comemssi molti, ma nello specifico delle attività commerciali indichi chi ha sbagliato, come e perchè (scelte politiche? quali. Provvedimenti fatti o non fatti? quali) dopo possiamo discutere nello specifico. 2. Sprecare risorse della precedente amministrazione? Mi spiace ma a questo giochino non ci sto. Qualsiasi amministrazione nuova/subentrante ha l'obbligo di attuare il suo programma. Io non mi scandalizzo e non condivido (da qualsiasi parte avvenga) la tiritera sulla precedente amministrazione. Io parto dal principio che se qualcuno si candida contro è naturale che non condivida e che voglia cambiare le cose, quaindi dov'è il problema? Ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Poi tutti siamo convinti di fare meglio anche se spesso cosi non è. Ogni amministrazione è libera di utilizzare le risorse come meglio crede e non si può pensare che le proprie scelte siano il bene o il male assoluto e qui torniamo sui giochini di parte che non amo. Le proposte sono più che mai sollecitazioni, non so se avranno ricadute occupazionali non sono uno studioso del settore cosi come penso sia complicato fare questo gener di valutazioni. Però mi permetta, ma le sue proposte? Ci sta affermare tutto il male possibile della sinistra ma le sue alternative?
Citazione | Segnala all'amministratore
#17 luca 2018-09-12 15:31
Signor pierdomeico è come dice lei senz'altro ma non può certo negare che a Todi è soprattutto colpa della sinistra se ka maggior parte degli esercizi commerciali ha chiuso.
Così come ha sprecato risorse per disfare cose fatte dalla precedente amministrazione per rifarle, a loro dire, meglio.
Le soluzioni proposte sicuramente sono buone anche se non migliorano la sfera occupazionale.
Magari se tutti, invece di improvvisarsi esperti d'arte disperdendo risorse in improbabili opere o manifestazioni artistiche dirottassero tali risorse per la città forse ci sarebbero meno Sviste...
Citazione | Segnala all'amministratore
#16 mpierdomenico 2018-09-12 07:30
Luca, forse ha commesso un errore. Non è prerogativa della sinistra avere soluzioni solo quando è all'opposizione ma di tutte le opposizioni. Chiamasi gioco delle parti in politica. Quando si arriva al governo si scopre che è tutto maledettamente più complicato e si cambia gioco e inizia quello della colpa a chi c'era prima e cosi via. Forse sarebbe ora che si prenda coscienza che quando si va al governo si prende il pacchetto intero. Cosi come sarebbe bene che tale pacchetto si conoscesse meglio prima. Un po' come comprare una macchina usata e prendersela con il venditore... potevi guardare meglio prima! (Scusa la divagazione)
Citazione | Segnala all'amministratore
#15 luca 2018-09-11 22:18
per Pierluigi

Infatti ho scritto "forse"

certo è che a Todi (come nel resto d'Italia) la sinistra ha tutte le soluzioni solo quand'è all'opposizione perché, appena arriva al governo diviene del tutto incapace...
Citazione | Segnala all'amministratore
#14 mpierdomenico 2018-09-11 16:26
Forse la strada dell'obbligo e delle sanzioni (chi controlla? costi?) non è la migliore. Io penso che si potrebbe intervenire con un processo inverso intervenendo su riduzioni tasse per mancato utilizzo a patto che... e si elencano alcune condizioni.
Citazione | Segnala all'amministratore
#13 Pierluigi 2018-09-11 10:30
Citazione luca:
forse se i todini avessero riconfermato rossini nessuno avrebbe visto nulla….

Non ne faccio questione di parte, anzi...ho solo constatato un dato di fatto. Le proposte che leggo sui quotidiani mi piacciono, possono migliorare
Citazione | Segnala all'amministratore
#12 Filippo Linotti 2018-09-11 10:28
Mi ricordo l'editto di cui parla Pianegiani e secondo me se non e' stato mai messo in atto un motivo c'e'. Credo che comminare sanzioni a privati che non curano il decoro degli immobili sia una forzatura bella e buona, quando soprattutto il pubblico non si adopera per curare in maniera adeguata cio' che e' di sua competenza (strade, fossi, edifici, parchi e chi piu' ne ha ne metta).
Citazione | Segnala all'amministratore
#11 luca 2018-09-11 08:10
forse se i todini avessero riconfermato rossini nessuno avrebbe visto nulla….
Citazione | Segnala all'amministratore
#10 Pierluigi 2018-09-10 21:57
Ho casa a Todi, vengo da Roma e quando ad agosto sono stato qui,è stato evidente lo stato di abbandono anche dei Voltoni, punto importante dell' architettura della città. A parte i lavori per il tetto, durante tutta la giornata erano accatastate pile di sedie, secchi per l immondizia, macchine parcheggiate, ragazzini che giocavano a calcio, il tutto con un aria di indifferenza per quel po di antico che resta e dopo che erano stati un poco ripuliti( è tutto ciò succedeva anche prima di agosto e probabile anche dopo). È per i negozi sfitti, se già si imponesse ai proprietari di tenere pulite le vetrine dai chili di ragnatele e polvere...e se di sistemasse l ascensore di porta orvietana...
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER