Nuova sanitaria
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

camminatadellasperanza2018Una società che riesce a camminare insieme per affermare diritti delle persone con disabilità è l’obiettivo della 29° Camminata della SperanzaL’evento in programma domenica 16 settembre a Collazzone è stata presentata questa mattina alla Conferenza Stampa tenutasi nella Sala Fiume di Palazzo Donini a Perugia.

Madre Maria Grazia Biscotti, direttrice del Centro Speranza ha fatto gli onori di casa, ricordando la missione affidata nel 1948 dalla Beata Madre Speranza alle sue Figlie Spirituali “missionarie al servizio dei più fragili, alle quali è chiesto di praticare la Misericordia senza altri limiti che la responsabilità morale, facendo tutto per amore.

Le necessità – ha aggiunto Maria Grazia Biscotti – potranno suggerirci di fare anche altro. Madre Speranza con la sua pedagogia invita il centro Speranza ad uscire fuori dal coro dei servizi sanitari per essere strumento di inclusione sociale in un approccio moderno e attuale.”

L’appuntamento promosso dal Centro riabilitativo di Fratta Todina intende ricordare alla società civile che la disabilità non deve essere trattata mettendo al centro dell’azione solo la sua patologia, ma è importante considerare la vita di quei cittadini che vivono in una condizione di svantaggio. La famiglia, la politica e la società sono aspetti da cui non può prescindere la piena realizzazione di una reale inclusione sociale.Ad affermare e condividere questo obiettivo, sono intervenuti in conferenza stampa l’assessore regionale alla Salute, Coesione sociale e Welfare, Luca Barberini insieme ad amministratori e rappresentanti di enti, Comuni e associazioni che sostengono l’iniziativa.

L’assessore ha evidenziato che “la strada ha una funzione educativa: camminare insieme, serve anche ad alleggerire la fatica per arrivare al traguardo. È bello – ha aggiunto - il grande coinvolgimento di tutti i volontari e delle associazioni che, attraverso questo momento che si rinnova ogni anno, danno attenzione alle persone in difficoltà e alle loro famiglie. Un percorso che, tra l’altro – ha aggiunto – ci porta alla riscoperta dei nostri territori”. Concludendo Barberini ha ricordato che “la Regione ha aumentato l’impegno verso le tematiche legate alla disabilità e che favoriscono l’inclusione sociale, anche stanziando maggiori risorse per progetti e azioni che valorizzano l’esperienza del volontariato e l’innovazione sociale. Tutti gli avvisi e i bandi hanno avuto molte domande e questo ci spinge ad investire ancora di più in questi ambiti per creare, anche attraverso nuove leggi, una comunità sempre più attenta ai più fragili”.

L'evento, che si fa volano di speranza per i diritti umani delle persone con disabilità, per la prima volta, quest’anno, ha scelto di avere al proprio fianco l'Associazione Disability Pride Italia, rappresentata dal presidente e attivista Carmelo Comisi il quale - ha annunciato - "attenderà all'arrivo il corteo". Nel suo intervento, affidato a una lettera per la conferenza stampa Comisi ha voluto porre l’accento sulla situazione in cui gravano le persone che si prendono cura delle persone con disabilità.

A fare eco alle parole del presidente del Disability Pride Italia è stata la testimonianza di Marcella Mencacci,madre di una ragazza con disabilità “Sono qui presente – ha affermato - per dare voce agli intenti con cui, insieme ad altre famiglie, abbiamo costituito cinque anni fa l’Associazione Borgo Solidale Dopo di Noi. Un figlio con disabilità è un cordone ombelicale che mai si recide. Si vive in simbiosi e – ha aggiunto – in fondo all’animo ogni genitore che ha un figlio disabile, è angosciato da una domanda: Quando noi genitori non saremo più in grado, perché anziani o perché non ci saremo più, chi si prenderà cura dei nostri figli?”

Tra gli intervenuti Giancarlo Billi, Presidente del Cesvol di Perugia ha ricordato che “Il Cesvol è attivo con uno sportello anche a Marsciano. È importante – ha detto - l’associazionismo nel vero senso di fare insieme, ma è altresì importante rivendicare i diritti e partecipare per realizzare il bene comune in sinergia con le istituzioni”.

Per il Comune di Collazzone è intervenuto il Sindaco Francesco Bennicelli e il Presidente dell’Acli di Piedicolle, Emanuele Luna il quale ha illustrato il programma e la grande solidarietà con cui i cittadini di Collazzone e delle piccole comunità attive nelle frazioni del Comune, si stanno adoperando per offrire l’accoglienza ai partecipanti alla manifestazione. La gratuità e lo spirito di festa e condivisione sono il tratto distintivo della Camminata della Speranza. Francesco Bennicelli ha poi ringraziato il Sindaco di San Venanzo per aver permesso all’amministrazione uscente la possibilità di accogliere per la seconda volta la manifestazione (la prima nel 2013).

Alfio Todini, sindaco di Marsciano è intervenuto come Comune Capofila della Zona Sociale n° 4 vicina al Centro Speranza in questo processo di inclusione e giustizia sociale. “Per costruire e allargare un ecosistema che sappia accogliere in modo inclusivo la diversità, dobbiamo saperci confrontare e – ha detto – la Camminata della Speranza è un appuntamento che ci permette di continuare in questa direzione. Il Centro Speranza – ha aggiunto - rappresenta un partner fondamentale per gli otto Comuni della Media Valle del Tevere per fare passi avanti nell’affermazione di una cultura dell’inclusione sociale.”

In rappresentanza della costante presenza alla manifestazione dei volontari dei gruppi locali della Croce Rossa e delle Misericordie sono intervenuti rispettivamente Paolo Scura Presidente Regionale dell'Associazione della Croce Rossa Italiana Comitato Regionale dell'Umbria e Pino Musto per le Misericordie dell'Umbria. Entrambi nei loro interventi hanno sottolineato l’importanza del quotidiano servizio dei volontari che si fanno attori protagonisti del sollievo di molte famiglie. Nell’intervento Musto ha raccontato la sua esperienza “Nei miei 20 anni di volontariato – ha detto – sono entrato nell’intimità di molte famiglie. Noi volontari diamo ciò che gli altri dicono e – ha aggiunto Musto – solo un grande amore consente di sopperire alle mancanze”.

“Grazie al Centro Speranza per dare la possibilità al mondo delle istituzioni grandi e piccole di prendere atto di un tema, la disabilità, che si tratta poco o con superficialità. Ci sono cose che si dicono – ha sottolineato nel suo intervento il Cav. Raffaele Goretti – altre che si fanno e altre ancora che si fanno male.” Il Presidente dell’Osservatorio Regionale sulla condizione delle Persone con disabilità ha infine aggiunto una riflessione sui temi, attuali, della precarietà degli insegnati di sostegno, i quali per l’80% non hanno una formazione adeguata e della mercantizzazione della disabilità con il conseguente disagio scolastico a carico dei bambini con DSA catalogati, erroneamente, come persone con disabilità.

La solidale collaborazione di Umbra Acque S.p.A. presente per la seconda con lo slogan “goccia dopo goccia, passo dopo passo” è stata presentata dall’AD. Tiziana Buonfiglio intervenuta ricordando la volontà della società di essere vicina alla cittadinanza umbra. “Lo scorso anno, a Perugia – ha detto – camminando sotto la pioggia ho potuto cogliere la forza della rivendicazione dei diritti delle persone con disabilità.” Nel concludere il suo intervento ha ricordato l’impegno di Umbra Acque S.p.A in questo percorso per l’abbattimento di tutte le barriere psicologiche e culturali “Abbiamo attivato da poco uno sportello LIS: un segnale di attenzione alle categorie svantaggiate del territorio, doveroso per contribuire a rendere queste persone cittadini tra i cittadini.”

Luca Panichi, determinato e propositivo nei confronti della vita, Testimonial della Camminata della Speranza da diversi anni, non riuscendo a partecipare alla conferenza ha voluto esprimere la sua vicinanza agli organizzatori e la sua assoluta adesione a un progetto che immagina una società capace di dirigersi verso un obiettivo, tutti insieme.


IL PROGRAMMA

L’appuntamento è domenica 16 settembre alle ore 8.00 a Collazzone, in Loc. Collepepe, presso il parcheggio del centro commerciale "Le due Torri" in Via dell'Osteria 91/a.
Il tragitto di 7 km circa prevede una sosta con piccola colazione presso il Santuario della Madonna dell'Acquasanta.
L'arrivo è previsto alle ore 12 in Loc. "Castello di Piedicolle", qui seguiranno il saluto delle autorità e la celebrazione della Santa Messa.
Un rientro comodo e accessibile a tutti sarà garantito dal servizio navette gratuito fino alle ore 16.
La manifestazione si terrà anche in caso di pioggia.

La veglia di preghiera si terrà giovedì 13 settembre alle ore 21.00, presso il tendone del Centro Speranza a Fratta Todina. La “Camminata della Speranza” infatti, ha mantenuto negli anni la sua natura cristiana promuovendo l’accoglienza incondizionata dell’altro secondo lo stile del carisma dell’Amore Misericordioso della Beata Madre Speranza. Il momento di preparazione spirituale sarà animato da Gruppi e Comunità del Rinnovamento nello Spirito dell’Umbria.

Per informazioni: www.centrosperanza.it

   
© ALLROUNDER