Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

maceocarlonivolantino


Oltre al curatore Danilo Sergio Pirro, interverranno lo storico e saggista Stefano Fabei ed il giornalista Marco Petrelli.


L’Associazione Culturale "Cittadini Protagonisti", in collaborazione con "Gli Amici della Fondazione Spirito-De Felice", organizza un incontro a TODI Venerdì 7 DICEMBRE alle 17,30 presso la sala del Caffe’ Ristorante La Consolazione.

Verrà presentato dagli autori il libro "MACEO CARLONI – Storia e Politica"

Continua, dopo le conferenze del prof. Giuseppe Parlato sulla storia e sugli uomini del M.S.I e dopo i seminari e le conferenze sulla 1^ guerra mondiale, l’approfondimento sulle vicende politiche e culturali del ‘900.

Questa volta si parlerà di un operaio ternano, Maceo CARLONI. Mazziniano di formazione, vide negli aspetti più rivoluzionari del sindacalismo fascista uno strumento per migliorare la condizione dei lavoratori. Già nel 1922 fu autorevole esponente del Sindacato fascista dei lavoratori dell'industria, ma si iscrisse al PNF solo nel 1932, stesso anno dell'anarchico e fondatore de "L'Universale" Berto Ricci.

Nonostante che dopo l'8 settembre non avesse aderito al Fascismo Repubblicano ed il suo impegno, durante il ventennio, per il reinserimento degli ex confinati antifascisti nel mercato del lavoro, non gli fu risparmiata una morte violenta.

Fu assassinato, senza un movente, nel maggio del 1944 a pochi metri dalla casa in cui era sfollato dagli uomini della Brigata partigiana "Antonio Gramsci" che riuscirono ad evitare la condanna solo grazie all'amnistia di Togliatti. Poi sessant'anni di oblio.

 

   
© ALLROUNDER