Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

AGRARIALABORATORITERRITORIALIdi Elio Andreucci.

La Cittadella Agraria di Todi nei prossimi due anni vedrà investimenti strutturali e didattici per circa 5 milioni di euro, che riguarderà la ristrutturazione e riqualificazione della corte contadina annessa all’ex Monastero di Montecristo, oggi sede dell’Istituto Agrario Ciuffelli, che fra stalle, magazzini, porcilaie e casale, occupa uno spazio oltre 800 metri quadrati. La storica scuola di Agraria tuderte è una delle 60 in Italia ad aver ottenuto uno specifico finanziamento del MIUR di 720 mila euro per l’acquisto di attrezzature e macchinari. A completamento delle attività già esistenti nell’azienda , sui 75 ettari della scuola, fra cui cantina sperimentale, caseificio, frantoio e laboratorio miele, si aggiungeranno altre unità di trasformazione agroalimentare, per la produzione di conserve e confetture, farine e pane, birra, distillati, prodotti cosmetici da erbe aromatiche ed officinali.

Per il funzionamento dell’intera opera sono stati individuati dei partner esterni, per lo più ex allievi oggi imprenditori, creando così un rapporto sinergico fra aziende esterne e scuola, un’esperienza già riuscita al Ciuffelli con il Caseificio Montecristo, diventata eccellenza regionale oggi con 15 dipendenti.

Le novità sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa dal Preside Marcello Rinaldi e dal direttore dell’azienda-fattoria didattica Gilberto Santucci, che hanno illustrato tempi e modalità degli interventi, con riferimenti sulla “rivoluzione” del concetto di scuola, non più solo multifunzionale ma centro nevralgico di una rete di imprese. A completare l’ambizioso progetto, che renderà ancora maggiore prestigio all’Istituto Ciuffelli con oltre 150 anni di storia, un patrimonio didattico-formativo unico in Italia, grazie anche al lavoro intenso della dirigenza, c’è anche l’avvio della progettazione per il miglioramento sismico dell’intero edificio scolastico, per circa 2 milioni e 600 mila euro, un intervento di Regione e Provincia che rientra nel piano post-terremoto, il tutto da completare all’inizio del 2020.

   
© ALLROUNDER