Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

UNICEF2018


All'evento organizzato dall'Unicef con il patrocinio del Comune hanno partecipato alcune classi della scuola primaria e secodaria di primo grado.


Dopo 29 anni di attenzione, d’impegno e di partecipazione attiva contro l’infanzia negata - vendita di bambini, prostituzione minorile, pornografia, reclutamento di bambini soldato, povertà, fame, malattie…

- ci troviamo a parlare nuovamente di “Diritti dei bambini” e a celebrare, ancora una volta, la “Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” con un senso di angoscia e di impotenza perché, nonostante il consenso suscitato dalla “Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” e gli sforzi di tante persone di buona volontà, in molte regioni del mondo questi Diritti vengono disattesi: i bambini non hanno accesso ai servizi sanitari di base, non frequentano la scuola, sono denutriti ed esposte a violenze fisiche e morali di ogni tipo.


“L’UNICEF, che vigila in tutto il mondo per l’applicazione della Convenzione, offre il suo sostegno ai governi e alle ONG locali per adottare programmi in favore dei bambini e degli adolescenti. A tal fine, ricorre ad analisi globali dei rapporti sociali ed economici, alla valutazione continua dei Progetti e all’elaborazione di metodi volti a migliorare la situazione dei bambini, intervenendo in più di 190 Paesi con Progetti concreti per attuare i diritti dei bambini e degli adolescenti”.
Anche nella nostra città, il 23 novembre scorso, con il patrocinio del Comune di Todi, è stata celebrata la “Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” presso la sala del Consiglio.

All’evento hanno partecipato alcune classi della Scuola primaria e della Secondaria di primo grado, guidate dalle loro insegnanti; in apertura, le note dell’Inno europeo suonato dai flauti e, a seguire, l’Inno d’Italia cantato anche da molti dei presenti. Sono intervenuti: il Sindaco di Todi, avv. Antonino Ruggiano, l’Assessore alle politiche familiari, dr.ssa Alessia Marta, la prof.ssa Iva Catarinelli, in rappresentanza del Comitato regionale Umbria per l’UNICEF, che, dopo aver porto il loro saluto ai presenti, hanno messo a fuoco le problematiche legate all’infanzia e all’adolescenza nel mondo attuale.

La prof.ssa Catarinelli ha presentato il Rapporto sulla condizione dell’infanzia nel mondo per il 2017 ed ha posto l'accento sull’importanza del diritto allo studio e sulla situazione di emergenza culturale che si sta verificando sempre di più anche in Italia. Il Sindaco ha messo in evidenza i suoi Progetti a favore dei ragazzi che vivono nella nostra città ed ha ribadito l’importanza dell’istruzione, senza la quale non c’è possibilità di progresso, non si conquista la libertà, non si progredisce sul piano personale e civile.

Alla celebrazione ha offerto un suo contributo l’associazione “PEPITA Onlus”, che ha animato la mattinata proponendo ai ragazzi attività operative legate alla conoscenza dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
Particolarmente interessanti sono stati gli interventi degli alunni, che hanno lavorato a scuola sulla tematica “Cosa faresti o vorresti fosse fatto per rendere più vivibile ed accogliente la tua città”: sono emerse riflessioni personali e di gruppo e richieste al Sindaco in osservanza ad alcuni diritti sanciti dalla Convenzione come il diritto allo studio, al gioco, il diritto di aggregazione, la salvaguardia dell’ambiente….

Il Sindaco ha vivamente apprezzato le proposte dei ragazzi per la loro lucidità e concretezza ed i bambini della Scuola primaria hanno ricevuto anche le lodi della dirigente scolastica, dr.ssa Silvana Raggetti, veramente soddisfatta per le attività compiute con la guida delle loro insegnanti.
Unica ombra in questa gioiosa ricorrenza: per mancanza di tempo, non è stato possibile effettuare, come da programma, il “Il gioco dei diritti”, che doveva costituire l’aspetto ludico e operativo legato alla Convenzione internazionale.

Un sentito GRAZIE a tutti coloro che hanno consentito all’UNICEF di vivere questo evento con la loro condivisione; un GRAZIE speciale soprattutto ai ragazzi!

di Anna Campanelli - referente UNICEF per Todi.

   
© ALLROUNDER