Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

dibium


Presentato all’istituto agrario di Todi, nasce dall’unione di diverse realtà del territorio esemplari per vocazione sostenibile e rapporto virtuoso tra tradizione e innovazione.


Si spazia da allevamenti biodinamici di capre per la produzione di eccezionali formaggi caprini, all'utilizzo delle oche in vigna come strumento di controllo e tutela del terreno,

passando per allevamenti di maiali allo stato brado tra boschi e vigneti, di Chianina in sinergia con la produzione di cereali e legumi selezionati. Antiche pratiche tornate attuali, come la cultura delle erbe spontanee e campagnole, e la canapa, grande pianta polifunzionale che sviluppa diverse filiere, dalla birra, alle farine, i semi, i fiori, con interessanti sviluppi per la salute, e il benessere; ed infine la bio edilizia.

L'arte antica della panificazione, integrata con farine prodotte da agricoltura biologica, con la curiosità di sperimentare sempre nuove potenzialità, insieme a legumi e cereali dei quali questa terra è ricca; e professionisti che perpetuano le nostre tradizioni e ne diventano i portavoce attraverso i media televisivi, oltre alla storica esperienza formativa dell’Istituto Agrario.

L’obiettivo del progetto è rafforzare, anche grazie alla componente bio, la qualità di vita del territorio, in una visione d’insieme con gli altri attori attivi.
Mantenere le peculiarità del territorio per non distorcere la propria natura, anche, e soprattutto, nei confronti degli attratti esterni, come il turismo.

Il tutto attraverso una strategia condivisa volta ad ottimizzare le capacità del territorio e successivamente aumentarla per creare un sistema di vita armonico fra gli attori locali ed in sinergia nei confronti della natura, per un auspicabile nuovo stile di vita, attrattore nei confronti dell’esterno.

Alla presentazione hanno partecipato: Michele Barchiesi (presidente Dibium Distretto Biologico Umbro), Gilberto Santucci (istituto agrario), Maurizio Pescari Giornalista, Susanna Mensitieri coordinatrice master Turismo e Territorio Luiss School of Government Massimo Formica neurologo, psicoterapeuta, referente Isde provincia di Terni, docente in corso di perfezionamento in nutrizione clinica e fitoterapia clinica, che insieme agli associati hanno dato vita ad un momento di confronto al quale è seguito un viaggio attraverso i sapori e il territorio narrata dallo Chef Marco Gubbiotti e dall’Oste Giorgio “Giorgione” Barchiesi.

Molto apprezzato l'intervento del Sindaco di Todi, Antonino Ruggiano, che dopo i saluti di rito ha espresso alla platea la grande attenzione della cittadina per tematiche ambientali e legate alla sostenibilità energetica, trattenendosi poi per l'intera durata della presentazione, ascoltando con interesse gli interventi dei relatori.

Dibium, Distretto biologico Umbro Località San Marco 92 - 06036 Montefalco (PG). www.dibium.it
Nel complesso la giornata si è conclusa con un' indicazione importante.
Il biologico rappresenta uno strumento fondamentale per la futura valorizzazione del territorio.

di Michele Barchiesi, Presidente DiBiUm Distretto Biologico Umbro.

   
© ALLROUNDER