giovanni chiappalupi
   
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

chiuso


Il Comune esenterà le nuove attività da tutte le imposte e tasse comunali


Con la delibera della Giunta Comunale del 13 febbraio l’Amministrazione ha stabilito i termini per la concessione di agevolazioni fiscali tributarie “a soggetti che procedono alla riapertura di esercizi chiusi da almeno sei mesi e all'ampliamento, per almeno il 30% della superficie dei locali, di attività commerciali, artigianali e di servizi già esistenti sul territorio comunale”.

L’agevolazione tributaria riguarda il tributo comunale sui rifiuti (TARI) e il tributo comunale per l'occupazione di suolo pubblico (TOSAP), a favore dei soggetti che a partire dal 28 giugno 2019 hanno proceduto alla riapertura o all'ampliamento dell'attività economica nel territorio comunale.

Destinatari sono nuove imprese a carattere produttivo o commerciale con sede operativa nel territorio comunale, o nuove unità locali da parte di imprese già iscritte alla Camera di Commercio nel territorio comunale. In particolare si fa riferimento ad attività operanti nei settori dell’artigianato alimentare e di altri servizi (farmacie, parrucchiere, estetista, lavanderie ecc), del commercio al dettaglio, esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e di bevande (es. attività di ristorazione, gelaterie, bar, osterie, pasticcerie, trattorie, pizzerie), agenzie di servizi (es. viaggi, immobiliari, autoscuole, centri di assistenza fiscale ecc.), del turismo (esercizi alberghieri, extralberghieri a carattere imprenditoriale, agriturismi).

Sono esclusi dalle agevolazioni esercizi di compro oro, sale per scommesse, sale con apparecchi per il gioco d'azzardo, oltre ai subentri, a qualunque titolo, in attività già esistenti precedentemente interrotte, aperture di nuove attività e le riaperture, conseguenti a cessione di un'attività preesistente, da parte del medesimo soggetto che la esercitava in precedenza, trasferimenti di sede nell’ambito del territorio comunale a parità di superficie occupata.

In caso di riapertura, il contributo è pari al 100% della TARI e al 100% della TOSAP, in caso di ampliamento il contributo del 50% della TARI e del 100% della TOSAP.

I soggetti che intendono usufruire delle agevolazioni devono presentare/inviare tramite PEC al protocollo del Comune di Todi, entro e non oltre il 28 febbraio 2020, la relativa richiesta sul modello predisposto dal Comune stesso, unitamente all’autocertificazione attinente al possesso dei requisiti di Legge.

Comunicato stampa Amministrazione Comunale.

   
© ALLROUNDER