giovanni chiappalupi
   
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

centrosperanzainaugurazionegiardinoComunicato Ufficio stampa Centro Speranza.
 
Domenica 17 settembre al Centro Speranza, in occasione del 33° anniversario dell'inizio delle attività, è stato inaugurato il frutteto del parco sensorialeprogettato dall'arch. Giovanna Chiuini, socia del Rotary Club Perugia Est.
"Il progetto è il frutto di un lavoro collegiale. - ha spiegato l'arch. Chiuini - Per seguire le fasi di sviluppo è stato costituito un gruppo di professionisti volontari, soci del Rotary Club Perugia Est. Un architetto, botanici, ingegneri e addetti alla raccolta fondi porteranno avanti la realizzazione dell'intero progetto di riqualificazione dell'area esterna al Centro Speranza che si estende per circa un ettaro davanti al fronte monumentale del Palazzo Altieri sede della struttura socio-riabilitativa di Fratta Todina.
Il progetto - continua - prevede un intervento di recupero per lo svolgimento di terapie riabilitative ed educative all'aperto: percorsi sensoriali, supporti per esercizi manuali speciali, piccoli orti da coltivare a scopo terapeutico. Oltre al frutteto, infatti, saranno realizzati un giardino sensoriale con piante aromatiche e orti che potranno essere accessibili anche a persone in carrozzina e un'area per le attività fisiche." 

L'inaugurazione di domenica, ha riguardato la parte strutturale del progetto del percorso sensoriale e che organizza il frutteto con sentieri lisci e sinuosi, saranno aggiunte delle panchine decorate dagli ospiti del Centro guidati dal maestro d'arte di Deruta, Vinicio Barcaccia. Il "giardino per tutti" così lo ha battezzato il Centro Speranza, consentirà ai bambini e ragazzi con ridotta mobilità di raggiungere le aree verdi e di entrare in contatto con la natura per un beneficio psico-fisico importante. I lavori di progettazione e sistemazione continueranno nei prossimi mesi per completare l’intera opera che prevede l’aggiunta di panchine decorate dai ragazzi che frequentano il laboratorio di ceramica del Centro Speranza e nuovi percorsi sensoriali per i ragazzi maggiormente compromessi. Il Cento Speranza, infatti, accoglie bambini e ragazzi con disabilità plurime che percepiscono la realtà attraverso sensazioni. Nel parco sensoriale, seguiti dagli educatori, potranno respirare il profumo dei fiori, toccare erbe e piante con le mani, e scoprire attraverso l’olfatto e il tatto stimoli diversi, che li guideranno ad aprirsi al mondo.

Presenti all'inaugurazione il sindaco di Fratta Todina, Giuliana Bicchieraro, i benefattori che hanno contribuito alla realizzazione della prima parte del progetto tra i quali i soci del Perugia Rotary Club Perugia Est e molti altri sostenitori che negli anni hanno contribuito con generosità a costruire il futuro del Centro Speranza, tra questi l'Aci Club di Perugia, Borgo Brufa SPA Resort, la Pro Loco di Pontenuovo (Torgiano), Associazione Musica Città Pantalla, il Comitato organizzativo e culturale Tripoli (Marsciano), i dipendenti di Ubi Banca che hanno aderito al progetto "Un giorno in dono", la farmacia di Gianni Carboni di Fratta Todina e la farmacia Le Fornaci di Marsciano. 
Dopo la messa, celebrata da Padre Aurelio Perez, Sup. Gen. Fam, i saluti e la presentazione del progetto, la madrina l'Arch. Giovanna Chiuni ha tagliato il nastro all'ingresso dei sentieri e nel frutteto i ragazzi e gli operatori del Centro Speranza hanno omaggiato i presenti con un'animazione musicale dal titolo "l'albero nelle quattro stagioni". Un "incontro" per cambiare il punto di vista della vita, lo hanno definito i registi, dott. Giuseppe Antonucci e la musicoterapista e psicologa del Centro Speranza dott.ssa Emanuela Dentini. La scena rappresentata è una metafora il rapporto speciale che lega ciascuno dei ragazzi del Centro Speranza con il suo educatore. L'educatore, come agricoltore sapiente, cura con amore e rispetto l'albero che rappresenta il ragazzo con le sue fragilità e risorse.

Chi siamo 
Il Centro Speranza è un progetto di Amore della bontà del Signore, profetizzato (da testimonianze n.d.r.) dalla Beata Madre Speranza nel 1948 che da sempre aveva espresso il desiderio di realizzare un'opera in grado di accogliere e curare bambini e ragazzi in difficoltà insieme alle loro famiglie. 
Tuttora, il Centro Speranza è gestito dalla Congregazione delle Suore Ancelle dell'Amore Misericordioso e la sua mission è tutelare la dignità e migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità attraverso un’accoglienza carica di amore, passione, competenza e umanità.
La struttura sanitaria e socio-sanitaria per l’età evolutiva di Fratta Todina (Pg) eroga in accreditamento con la Regione Umbria e privatamente servizi diagnostici, riabilitativi, educativi, percorsi di crescita e inclusione sociale per il benessere psicofisico di bambini e adulti con disabilità. Il Centro Speranza, inoltre, collabora con enti, strutture e organizzazioni per promuovere servizi e cultura a vantaggio della società.

 

Commenti   

#1 CarlandreaCaprossini 2017-09-18 19:21
Il Centro Speranza è una struttura di eccellenza e va salvaguardata ed aiutata.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER