Nuova sanitaria
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

LOGO5STELLEdi Paola Padiglioni e Novello Ferretti - Tuderti 5 Stelle.

Il MoVimento Tuderti 5 Stelle continua, attraverso l’operato di un suo gruppo di lavoro, a visitare i cimiteri comunali, allo scopo di informare i cittadini .
La relazione che viene esposta riguarda il cimitero frazionale di Collevalenza e Rosceto, un cimitero che appare nettamente diviso in due parti per ciò che riguarda la sicurezza, il decoro e l’incuria.
La parte nuova non evidenzia criticità anche se un cartello di area sottoposta a sorveglianza esposto in una cappella, ricorda, se ce ne fosse bisogno, quanto numerosi siano i furti in tali luoghi. E questo già apre il capitolo della sicurezza e dei controlli all’interno dei cimiteri che demandiamo.
Ma come si varca il confine fra la zona nuova e quella antica ospitante la chiesetta, si rimane scioccati.

Come è possibile investire su una superficie, e i cantieri aperti, al lavoro, lo testimoniano, quando adiacente ad essa se ne trova un’altra completamente dimenticata? Non sono entrambe per lo stesso scopo? Quello cioè di dare degna sepoltura a tutti, poveri e ricchi , a quelli che se ne sono andati di recente come a quelli che mancano da più tempo?
Il cimitero visitato, nucleo originario, presenta elementi di pericolo per i visitatori, così riassumibili:
- Angoli vivi in muratura (scalini, scale ma soprattutto lapidi e parti di tombe), non visibili né prevedibili perché posti perlopiù in zone di passaggio, in corrispondenza dei cambi di direzione;
- Parti in ferro ricoperte di ruggine uscenti dal suolo, alcune a forma di forcone, altre con ganci ed uncini ;
- Crolli murari di strutture di delimitazione e crolli interni alle cappelle.
Ciò non basta a descrivere la situazione che si presenta ad un osservatore, occorre riferire per completezza la mancanza di decoro che fa da padrone in questo cimitero.
Molte lapidi di piccole dimensioni recanti solo un numero identificativo si trovano allineate lungo uno dei muri perimetrali e tante di questo tipo sono state gettate (dire accatastate è troppo), in un angolo. Stessa sorte per le numerose croci ammucchiate, disperse e divelte. Ci sono tombe da cui si sono staccate le lapidi, altre in cui non sono più presenti e/o leggibili i caratteri dei nomi e delle date e ci sono lastre marmoree senza una precisa collocazione (spostate?).
Non si distingue ciò che custodisce o ricopre resti mortali da ciò che potrebbe essere semplicemente rimosso perché rimasto a seguito di riesumazioni; un quadro desolante si offre a chi vuol vedere.
Solite fontanelle che perdono, tombini rialzati, cavi esposti, angoli che sanno di discarica con tavolini di plastica ed altro, ma in fondo questa è storia nota…
Meno nota ci auguriamo e questo cimitero può “vantarla”, la presenza di una cappella di vecchia costruzione, indecente, somigliante ad un ricovero per animali o ad una cella, sul cui pavimento interno in mezzo alle foglie campeggiano bottiglie di vetro vuote, lumini e pezzi di plastica.
Cose nostre , andare a vedere per credere..

Commenti   

#2 Filippo Linotti 2018-01-02 23:51
Onestamente la situazione mi sembra un ticchio romanzata. Sono 50 anni che faccio visita a quel cimitero, a me sembra sempre lo stesso. Francamente questa descrizione di cimitero bombardato, come cantava De André, mi sembra eccessiva. La storia delle telecamere posizionate in una cappella dimostra casomai quanto può diventare abbietto l' essere umano quando arriva a fare dispetti vari a chi ha dovuto già subire prove durissime dalla vita. Non è questione di furti o di delinquenti ma di autentici pezzi di shit puzzolente.
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 Mica 2018-01-02 21:16
Questa è una cosa seria cui occorre porre rimedio.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER