Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

presentazionepropostaincomuneComunicato stampa MoVimento Tuderti 5 Stelle

Ambiente non è solo un’atmosfera, è tutto ciò con cui ognuno di noi, tutti i giorni anche con le azioni più piccole, si relaziona e si rapporta. Ultimamente vengono annunciate tragiche previsioni per il futuro del nostro pianeta, accompagnate da spaventosi numeri e testimonianze fotografiche che non possiamo più ignorare.
Una delle cinque stelle del simbolo del nostro Movimento è dedicata proprio all’ambiente: la sostenibilità è il principio imprescindibile di ogni nostro progetto, azione e ideale. Seguendo questa nostra naturale inclinazione e le ultime notizie dal mondo e dalla nostra regione, nascono i due progetti che martedì 16 gennaio 2018 una nostra delegazione ha presentato all’amministrazione comunale, per precisione all’Ass. Elena Baglioni e all’Ass. Alessia Marta.

Dopo una dettagliata presentazione sul problema dei rifiuti che devastano spiagge, mari ed oceani e delle microplastiche che entrano nella catena alimentare fino ad arrivare nel nostro piatto e nel nostro bicchiere, abbiamo richiesto all’amministrazione di valutare l’installazione sul territorio comunale di ecocompattatori: contenitori automatici, collocabili ovunque e di dimensioni contenute, che differenziano e comprimono i volumi del materiale conferito (plastica e alluminio) da 5 a 20 volte e che, in cambio del rifiuto conferito, possono erogare buoni sconto, buoni spesa, buoni carburante, eco-bonus ecc., da spendere presso attività commerciali locali convenzionate, oltre ad uno sconto sulla TARI. E’ noto che la percentuale di raccolta differenziata che ogni Comune è tenuto a rispettare può essere raggiunta più facilmente con l’introduzione di servizi innovativi di raccolta e smaltimento e di meccanismi di incentivazione/premialità per i cittadini come questo. Gli ecocompattatori permettono di trasformare i rifiuti da problema a risorsa, di contrastare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti per strada, di risolvere alcune problematiche relative alla sicurezza e al decoro urbano, con rilevante decremento nel tempo dei costi legati ai servizi di pulizia, e hanno l’effetto diretto di ridurre i trasporti effettuati per il conferimento dei rifiuti plastici nelle discariche e, di conseguenza, anche il traffico ed emissioni di gas di scarico. Gli ecocompattatori sono già stati installati con successo in molte città umbre, riscontrando forti consensi tra i cittadini e notevoli miglioramenti dei risultati della raccolta differenziata.
La seconda parte dell’incontro ha visto l’illustrazione di un articolato studio, fatto interamente da noi, in cui abbiamo prima chiarito cosa sono i pannolini lavabili, poi esposto i motivi ecologici ed economici per i quali questi andrebbero scelti alla nascita di un neonato in ogni famiglia. Nel nostro approfondimento, abbiamo esaminato dettagliatamente i costi relativi all’acquisto e alla gestione dei pannolini lavabili, mettendoli a confronto con il costo dell’acquisto dei pannolini usa e getta, evidenziando come il risparmio per una famiglia, che scelga la prima soluzione invece della seconda, sia ragguardevole e consistente. La nostra proposta è di erogare un contributo per i bambini nati dopo il 1 gennaio 2018, a tutte le famiglie che presenteranno la domanda, documentando con una ricevuta di aver sostenuto la spesa per un kit di pannolini lavabili. Simultaneamente le stesse famiglie potranno fruire di un’agevolazione sulla parte variabile della TARI, in quanto gli verrà riconosciuta l’importante quantità di rifiuti indifferenziati non depositati nei cassonetti, che non verrà quindi conferita nelle discariche umbre, ormai sature e in chiusura entro i prossimi cinque anni, o trasportata altrove (con costo maggiore e non quantificato) per essere smaltita nella Regione Marche, come previsto dal recente accordo con la nostra regione.
Il nostro obiettivo e la nostra speranza è di vedere sempre più decisioni che puntino allo sviluppo della sostenibilità ambientale e che diffondano la cultura della raccolta differenziata e del riciclo, secondo il principio “Più ricicli più risparmi, più inquini più paghi”.

Commenti   

#24 luca 2018-01-22 08:41
non mi pare di aver scritto cose differenti.
Lei li chiama incivili io maleducati.
Comunque il problema resta.
Lei Pierdomenico è stato sicuramente più tecnico ma inciviltà e maleducazione vanno a braccetto...
Citazione | Segnala all'amministratore
#23 filippo linotti 2018-01-22 07:53
Nel frattempo il sig. Pierdomenico, non volendo, ha fornito proprio le indicazioni che cercavo. A questo punto ho le idee un po' piu' chiare, grazie sig. Pierdomenico.
Citazione | Segnala all'amministratore
#22 lang 2018-01-22 07:02
sig. linotti io non mi bono assolutamente offeso, le mie considerazioni su chi interviene sul blog sono generali e non rivolte a persone in particolare. buona giornata a tutti.
Citazione | Segnala all'amministratore
#21 Filippo Linotti 2018-01-21 17:07
Scusi sig. lang, ma credo che abbia travisato il mio commento che non era e non voleva essere assolutamente polemico.Non essendo molto informato e non avendo voglia di andarmi a leggere normative, regolamenti e quant' altro disciplini il settore, le ho formulato quella domanda giusto per capire, visto che il sig. Pierdomenico che sembrerebbe persona con competenze specifiche mi sembra abbia scritto che lo spazzamento potrebbe non prevedere la raccolta di bottiglie o altri rifiuti lasciati incostuditi. Se lei si è sentito offeso mi dispiace, ma ribadisco che non avevo nessun intento polemico. Cosi come la politica non c' entra assolutamente nulla, anche perché io intervengo per come ragiona ( sragiona) il mio cervello.
Citazione | Segnala all'amministratore
#20 maurizio.pierdomenic 2018-01-21 11:39
Sig. Luca le tematiche sono differenti. Un conto è l'aspetto contarttuale del servizio, cosa è previsto e in che modo altro è l'aspetto che riguarda il senso civico e vale sempre. Se non non comprendiamo che tutti i servizi offerti sono pagati con i nostri soldi e che qualsiasi comportamento incivile (io sono un po' più diretto rispetto a maleducato) genera costi e che questi costi li paghiamo sempre noi, non andiamo molto lontano. L'abbandono di rifiuti, oltre a quanto detto in tema di incivilità, salute, ambiente comporta interventi di rimozione che sono catalogati come "straordinari" a costi importanti.. che pensa li pagherà? Che i piccoli rifiuti gettati a caso generano un fenomeno "littering" (volantini, a proposito cerchiamo di limitarne l'uso in campagna elettorale, deplinat promozionali, mozziconi, buste e bustine, carte e cartacce) che comporta il rischio di intasamento tombini, pessimo decoro cittadino, costi di pulizia e samltimento maggiori in quanto materiali non differenziati. Tutto ciò si tramuta in costi. Le amministrazioni hanno decine di colpe ma se i nostri comportamenti non agevolano perchè pensiamo che sia sempre compito di qualcun altro non andimao molto lontani. Certo che a chi è più attento certi comportamenti fanno girare i cosidetti, cerchiamo di spiegare che l'inviviltà altrui incede sul portafoglio di tutti lui incluso. Questa è la parte del mio lavoro sul tema più difficle da attuare e che offre risultati solo alungo tempo..
Citazione | Segnala all'amministratore
#19 maurizio.pierdomenic 2018-01-21 11:27
Riporto una sintesi da allegato contratto. ART. 9 SERVIZIO DI SPAZZAMENTO STRADALE
Il servizio dovrà essere effettuato mediante spazzamento meccanizzato o manuale secondo le modalità indicate nella proposta-offerta....
La pulizia del suolo, sia che venga effettuata manualmente che meccanicamente,
deve essere eseguita in modo da asportare e tenere sgombre da rifiuti di qualunque natura, le vie, le piazze, i marciapiedi, le aiuole spartitraffico e le aree di corredo stradale, i cavedi, i percorsi pedonali anche se coperti ricadenti all’interno delle aree delimitate (dato di cui non sono in possesso). La pulizia delle superfici di cui sopra, dovrà essere effettuata con l’obiettivo generale di meccanizzare quanto più possibile il servizio di spazzamento, limitando l’azione manuale alle vie nelle quali non è possibile l’impiego delle spazzatrici.
La frequenza degli interventi di spazzamento dovrà rispettare l’articolazione delle
frequenze prevista per aree omogenee così come definita dal Piano d’Ambito. Il servizio di spazzamento stradale deve essere eseguito su tutti i tipi di superficie, comprese quelle a fondo naturale; deve essere eseguito da muro a muro lungo le aree delimitate e, nel caso di quelle non delimitate, deve essere esteso agli spazi adiacenti per una fascia di almeno due metri oltre il margine del marciapiede, della sede stradale o dell’area in genere utilizzata ad uso pubblico. Il servizio comprende la raccolta dei rifiuti abbandonati anche oltre tale limite. Sulle aree di particolare esigenza, occorre prevedere oltre allo spazzamento, un servizio di lavaggio e disinfezione periodico.
Il servizio di spazzamento stradale comprende anche il servizio di svuotamento e
manutenzione dei cestini gettacarte e la raccolta dei sacchi all’interno dei trespoli in rete metallica ubicati nei centri storici e frazioni.
Citazione | Segnala all'amministratore
#18 luca 2018-01-20 18:38
benissimo.

converrà, signor Pierdomenico, che se tutti i cittadini gettano l'immondizia in strada lo spazzamento stradale, indipendentemente dalla frequenza, verrà notevolmente rallentato...
La buona educazione ed autodisciplina di ciascun cittadino è alla base del buon vivere comune.
Citazione | Segnala all'amministratore
#17 lang 2018-01-20 14:26
sig. Filippo linotti al commento n.5 mi è sembrato di essere stato chiaro, ringrazio maurizio.pierdomenic per aver capito il problema. (mi permetto di dire che questo blog è interessante se uno scambio di idee può aiutare a risolvere qualche problema, confrontandosi, senza offendere, rimanendo magari delle proprie idee perché no anche politiche). grazie!
Citazione | Segnala all'amministratore
#16 Filippo Linotti 2018-01-20 09:02
Per definire meglio la situazione chiedo al sig. Pierdomenico, che è persona del settore, se può indicare cosa prevede analiticamente il servizio di spazzatura.
Citazione | Segnala all'amministratore
#15 maurizio.pierdomenic 2018-01-20 08:14
L'allegato al contratto di servizio riporta voce 18 SPAZZAMENTO STRADALE
Frequenze di intervento previste dal contratto di servizio.
Rispetto delle frequenze di spazzamento
che sono definite dal progetto tecnico
esecutivo in conformità a quanto
previsto dal Piano d’Ambito.
Sanzione 500 euro a mancato intervento
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER