Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

borzacchiellofdi Francesca Borzacchiello - Coordinatrice Forza Italia Marsciano.

È necessario tornare a parlare della questione della realizzazione di un centro culturale fortemente voluto dalla Comunità Islamica Medio Tevere, di cui nessuna notizia era più circolata successivamente al documento approvato dal Consiglio Comunale senza però il voto favorevole del Consigliere Pilati. Si tratta sempre di Marsciano, ma questa volta pare sia stato individuato ed acquistato un capannone all'interno della Zona Industriale del Capoluogo.

Urbanisticamente si tratta di una Zona Artigianale, diversa da quella Residenziale di Ammeto, ma che comunque non è idonea per la realizzazione del progetto che ci aveva illustrato lo stesso Imam. Che si tratti di Moschea o Centro Culturale Islamico, sarebbe necessaria una variante al PRG, che allo stato attuale non consente nessuna delle due destinazioni d'uso.

 Oltre al fatto che in prossimità del capannone individuato, vi è la presenza di una attività insalubre e la possibilità che altre ne vengano create, data la vocazione industriale di tutta l'area. Riteniamo inoltre che, per aver già effettuato addirittura l'acquisto, di certo la Comunità ha ottenuto le opportune rassicurazioni. Forza Italia con il suo lavoro di opposizione eserciterà il più stringente potere di controllo al fine di non permettere alcun trattamento di favore e, pur avendo piena fiducia nell'operato degli uffici comunali competenti, non abbasserà la guardia. Seguiremo passo passo tutto l'iter burocratico urbanistico, sempre ammesso che vi siano speranze di fattibilità dell'operazione, dato che allo stato attuale non vi è la benché minima possibilità che in quel contesto sia possibile rilasciare direttamente l'autorizzazione necessaria. Rimangono inoltre tutte le perplessità legate ai flussi di denaro necessari alla ristrutturazione, oltre tutte le altre garanzie di trasparenza essenziali. Giova ricordare che anche grazie all'intervento del Consigliere Pilati era stata inserita nel testo del documento una riga che impegnava il Consiglio Comunale a trovare il modo di rendere vincolanti alcune prescrizioni (trasparenza dei fondi, uso della doppia lingua, possibilità per tutti di accedere alle funzioni). Adesso che l'immobile sembra sia diventato di esclusiva proprietà dell'Associazione, una volta autorizzata la struttura, diventa molto più complicato condizionarne l'utilizzo.

Altro elemento di preoccupazione è rappresentato da notevole aumento di superfici disponibili: si passa da circa 100 mq ad oltre 800 mq con ulteriore possibilità edificatoria, il che non rassicura sui futuri sviluppi per la nostra comunità.

Il Consigliere Pilati afferma: “Una cosa è certa: sarà impossibile cercare di dare un'altra direzione a questa Amministrazione che ha dimostrato con chiarezza le sue intenzione su temi come integrazione e immigrazione, affermando con forza di non essere dalla parte di chi da sempre ha contribuito a costruire Marsciano. Forza Italia vuole riportare il piatto della bilancia verso la propria comunità, ma per farlo esiste un solo modo: cambiare amministrazione.

Esorto la cittadinanza a dare un forte segnale già da queste elezioni politiche, quella X avrà un grande peso. Siatene consapevoli.”

   
© ALLROUNDER