Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

gentiliadi Alfonso Gentili - Presidente CdA Veralli Cortesi.

L'ordinamento degli enti locali prevede espressamente che il Comune deve effettuare le nomine dei rappresentanti presso gli enti entro il termine di scadenza del precedente incarico.

Il Consiglio di amministrazione dell'IPAB La Consolazione Etab arriva a scadenza naturale il giorno 26 marzo 2018 per decorso quinquennio.
La durata dei Consigli di amministrazione degli Enti è stabilita dallo Statuto e l'incarico dei loro componenti non scade con la fine del mandato del Sindaco che li ha nominati, come succede per altre figure degli enti locali.

Il progetto di fusione tra Veralli Cortesi ed Etab ed il nuovo statuto dell'ASP unica denominata in breve ASP"La Veralli Cortesi Consolazione" con sede legale in Todi, via Tiberina n. 11 e con un unico Consiglio di amministrazione di cinque membri, sono stati approvati da entrambi i Consigli di amministrazione degli Enti nel mese di marzo 2017, in piena osservanza ed attuazione delle linee d'indirizzo comunali. Sono stati poi inviati, entro il termine prescritto, alla Regione Umbria e il relativo procedimento di approvazione finale è tuttora in corso.
Quello che, in realtà, ancora manca è il parere obbligatorio e vincolante del Comune di Todi, richiesto dalla Regione a fine aprile 2017. Il parere comunale sulla fusione e trasformazione in unica ASP ben si potrebbe pronunciare, con un indirizzo puntuale, anche sulla proposta ulteriore avanzata da Veralli Cortesi ad Etab, alla Regione e allo stesso Comune con una dettagliata lettera del 13 maggio 2017. Tale proposta, tra l'altro, è stata poi riconfermata e ripresentata con lettera del 19 luglio 2017, indirizzata ad Etab e alla nuova Amministrazione del Comune di Todi.
Inoltre e soprattutto ci sembra che sia mancata, in ripetute occasioni fino a tutto il 2017, la capacità e la determinazione della "politica" di far approvare una semplice norma statale di ripristino temporaneo delle agevolazioni fiscali per le operazioni di riordino delle Ipab, già previste dalla legge di riforma del 2001 e rimaste valide fino al 2009.
L'Azienda pubblica di servizi alla persona Veralli Cortesi è, comunque, pronta a proporre di nuovo, dopo il 26 marzo prossimo, anche al nuovo Presidente e al nuovo Consiglio di amministrazione dell'IPAB "La Consolazione ETAB", una volta insediati, la modifica del progetto di fusione dei due Enti in conformità all'indicazione regionale contenuta nella richiesta di parere al Comune di quasi un anno fa, proposta non accettata da Etab con sua nota del 24 luglio 2017 indirizzata anche alla Regione e al Comune di Todi.
Questo Ente è anche pronto a fare di nuovo la sua parte, seppur modesta, per ritentare di ottenere il ripristino delle originarie agevolazioni fiscali da parte del nuovo Parlamento e del nuovo Governo, dopo gli insuccessi precedenti.
L'auspicio è di riuscire a raggiungere tutti insieme, con la necessaria coerenza, serietà e lungimiranza, l'obiettivo strategico dell'unificazione/fusione dei due Enti e la trasformazione in un'unica Azienda di Servizi alla Persona (ASP), di natura pubblica, a Todi, come del resto sancito dalle linee d'indirizzo approvate del Consiglio comunale di Todi nell'ottobre 2010, nell'agosto 2012 e, da ultimo, nell'aprile 2015, a maggior ragione, ora che l'altra Ipab tuderte ha già ottenuto la trasformazione in Fondazione Istituto Crispolti e il riconoscimento della personalità giuridica di diritto privato.

Commenti   

#1 Osservatore 2018-03-23 16:40
E' stato già valutato dal Comune e dalla Regione l'impossibilità e l'inopportunità di procedere con l'unificazione degli Enti. La fusione comporterebbe il pagamento di almeno 1.500.000 di Euro di imposte complessive e quindi invece di creare un risparmio, si aumenterebbe in maniera vertiginosa l'indebitamento dei due Enti, in particolare dell'Etab, attualmente in buona salute. Al contrario della Veralli che vanta esposizioni complessive verso Banche, Regione e verso altri Enti di circa 7.000.000 di euro. Quindi dobbiamo ringraziare l'Amministrazione Ruggiano che Sabato 24 ha portato celermente in Consiglio Comunale il provvedimento tecnico, che se votato, consentirà di evitare l'incomprensibile tentativo di suicidio proposto dal presidente Gentili.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER