Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

montecastellodivibioComunicato stampa Gruppo Unione Democratica.

Il gruppo di minoranza Unione Democratica per Monte Castello di Vibio aveva accolto con soddisfazione la possibilità di apertura di una fase di discussione pubblica riguardante l’area ex-campo sportivo del capoluogo, seppur con innegabile ritardo e con alcune decisioni già prese. L’assemblea del 15 marzo ha quindi rappresentato un momento di grande importanza. Del resto, il nostro gruppo consiliare aveva già in passato sollecitato l’avvio di un dibattito condiviso con la comunità montecastellese per tentare di individuare il miglior percorso di sviluppo di un’area di estrema importanza per il paese, considerando il coinvolgimento popolare una necessità ineludibile.

Come noto, l’associazione Campo Vecchio, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’impegno profuso riguardo l’intera vicenda, si è resa disponibile alla realizzazione di una struttura permanente polivalentedi almeno 200 mq da destinare alla realizzazione di momenti di organizzazione sociale, ricreativa e sportiva e fruibile per l’intero arco dell’anno dalle associazioni locali e della popolazione tutta. Non solo, la struttura porterebbe ad un salto di qualità per ciò che riguarda la sicurezza del paese, potendo essere utilizzata come centro di raccolta e primo soccorso in caso di eventi catastrofici, soprattutto di natura sismica. L’attuale Amministrazione comunale, dal canto proprio, sembra aver rinunciato alla possibilità di perseguire tale progetto, dopo aver comunque approvato la realizzazione di una platea in cemento di 175 mq; la motivazione espressa sta nell’indisponibilità alla realizzazione di ulteriori 45 mq di platea per difficoltà economiche dell’Ente.

A nostro avviso le scelte verso le quali si sta orientando l’Amministrazione sono di natura politica più che economica, e vanno individuate nella indisponibilità alla realizzazione del progetto. Abbiamo già espresso il nostro pensiero a riguardo, crediamo infatti che sia necessario valutare con grande attenzione una simile opportunità, quella di dotare Monte Castello di un’importante struttura a disposizione di tutti. D’altronde, ciò che ci preoccupa maggiormente è la mancanza di una progettualità alternativa a quella proposta. La discussione nasce proprio da quello che riteniamo un grave errore da parte dell’Amministrazione, ovvero l’assenza di una chiara visione per quel che concerne il futuro dell’area. Vogliamo ricordare, a tal proposito, che la precedente Amministrazione ha lasciato in eredità un ambizioso progetto di riqualificazione del vecchio campo sportivo utile proprio ad evitare che l’Ente si trovasse impreparato di fronte al presentarsi di nuove opportunità, ma forse a poco valgono le scelte e gli sforzi precedenti se poi non si è disposti a dare un seguito.

Infine, ci domandiamo per quale ragione l’attuale Amministrazione non abbia ritenuto di poter perseguire la via della partecipazione ai bandi di finanziamento regionale – in primo luogo il PSR 2014/2020 – per la valorizzazione dell’area. In un momento di crisi della disponibilità economica degli apparati pubblici, riteniamo infatti sia di primaria importanza poter usufruire dei fondi messi a disposizione dall’Unione Europea e/o dalla Regione per sostenere la realizzazione di progetti altrimenti utopistici; non a caso, il primo intervento realizzato sull’area (la creazione di un parcheggio ed area camper) fu possibile grazie a tali forme di finanziamento.

Il ritardo con cui si è affrontata la problematica, la gestione tutt’altro che efficiente della questione e l’assenza di una programmazione preventiva stanno conducendo al più grande fallimento del quinquennio amministrativo. Tuttavia, questo rischia innanzitutto di danneggiare gli interessi dei cittadini montecastellesi, pertanto auspichiamo che la discussione riguardante l’area ex campo sportivo non venga ulteriormente rinviata e che l’Amministrazione si esprima sull’idea di sviluppo futuro.

   
© ALLROUNDER