Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

nulliperoottdi Ottavio Nulli Pero.

Leggo ancora in questi giorni un dibattito, che dura da tempo, sulla unificazione dei due Enti .

Sinceramente non credo che il problema sia di essere favorevoli o contrari a tale fine se si prescinde dai motivi veri dell’unificazione. Non credo nemmeno che sia prioritario quello di unificare la spesa dei due consigli di amministrazione. Basta fare un po’ di conto e ci si accorge che la spesa non appare tanto eccessiva.

Peraltro può essere ancora più contenuta. Quindi non può essere questo il motivo. Va solo tenuto presente.

Il vero motivo credo si rintracci proprio nelle finalità statutarie. Le finalità statutarie lette attentamente e rapportate alla situazione odierna ci fanno capire che non sono più in linea con i tempi. in sintesi Il motivo del “lascito” e il fine non sono più raggiunti. La gestione della casa di riposo merita attenzione nel suo fine, nei destinatari del servizio e ne i suoi reali soggetti gestori (non amministratori).

Anzi andrebbe fatta proprio una riflessione sugli amministratori e le opportunità che i tempi suggeriscono. Inoltre ritengo ci si debba chiedere se la "Veralli Cortesi", ancora va considerata una risorsa prioritaria di Todi e di tutti i suoi cittadini o per effetto di una politica dei tempi e della scelte fatte, è solo una risorsa,al massimo, per una parte di cittadini. Se queste riflessioni hanno un qualche fondamento , allora forse è prioritario discutere dei fini che l’ente che con la fusione, o no. dovrebbe avere e perciò con molta attenzione rispettare i fini statutari aggiornati al tempo attuale.

Questo mi pare il punto più importante ed anche il punto debole della discussione attuale.

Ribadisco che invece , la fusione, certamente non è il punto più urgente.

Il numero dei consigli e dei consiglieri sono fatti organizzativi importanti ma non certamente quanto i fini dell’ente. Credo che la discussione debba essere centrata anche sui valori umani e solidali che l’ente aveva e che deve continuare ad avere sempre con maggiore forza, altrimenti appare difficile rilevarne una grande ricchezza per Todi come invece può ancora essere.

   
© ALLROUNDER