Bruno Bertini
   
Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

pdComunicato stampa Segreteria Partito Democratico Todi.

A leggere le cronache politiche cittadine viene voglia di commentare così: “grande è la confusione sotto il cielo” dell’amministrazione comunale di Todi.

Non paghi infatti della figura meschina ed imbarazzante cagionata alla città in merito alla scellerata gestione della giornata di celebrazione della liberazione dal nazifascismo (forse è utile ribadirlo al sindaco Ruggiano, che a Rai Radio2 ha brillantemente sostenuto come il 25 aprile si festeggi la liberazione dalla Seconda Guerra Mondiale! sic!), i partiti ed i movimenti che sostengono l’attuale giunta, risultando tra loro tutt’altro che uniti, sono così costretti a scaricare sull’azione amministrativa il peso di queste nette divaricazioni.

 

A conforto di questa tesi viene, non da ultimo, la diatriba scatenatasi sulla “Festa delle famiglie 2018” organizzata dalle “famiglie arcobaleno”, cui l’assessore Marta, scopertasi all’improvviso sensibile al pluralismo culturale ed educativo, ha concesso il patrocinio.

Apriti cielo! Immediata la bacchettata del responsabile regionale del Popolo della Famiglia, che vorrebbe riportare all’ordine l’assessore Marta.

A questa segue la presa di posizione di Casapound Todi, che ribadisce la sua contrarietà alla manifestazione e cerca di celare il malcontento verso questa scelta dietro la natura “tecnica” della concessione del patrocinio. Verrebbe voglia di dire: cosa ci fa Casapound nella maggioranza?

Era contro il Todi Festival, ma il Todi Festival è stato confermato. Era contro la tassa di soggiorno, ma la tassa di soggiorno è stata istituita. Era contro l’innalzamento della TARI, ma l’innalzamento della TARI è avvenuto lo stesso. Era contro il nuovo centro commerciale di Ponterio, ma la relativa variante in Consiglio Comunale è stato approvata.

Forse che il “ragazzo” Nulli (non la prenda con noi, caro Nulli, abbiamo solo preso in prestito il lessico utilizzato in radio dal sindaco Ruggiano!) ed i suoi seguaci sono in attesa di essere ricompensati di questi schiaffi amministrativi con qualche posto negli enti partecipati dal Comune che dovranno essere rinnovati nel prossimo futuro? Oppure si accontentano di aver fatto fare alla nostra città una figura barbina, vendendo il mancato patrocinio all’Anpi come un risultato di alta politica? Che dire? Ai posteri l’ardua sentenza.

Certo è che, come avvertiamo da mesi, nulla di buono verrà alla città di Todi da una compagine politica così eterogenea.

Commenti   

#6 ExPD 2018-05-06 00:16
Letti i comunicati che escono ultimamente viene da chiedersi chi avete in segreteria ...
Citazione | Segnala all'amministratore
#5 Rumba 2018-05-03 21:36
Per la prima volta d'accordo anche molti fascisti, quelli veri, quelli coerenti, un'armata Brancaleoni, stiamo cercare sindaco e assessori ma non rispondono. Le Lega, primo partito gli va bene.
Citazione | Segnala all'amministratore
#4 Filippo Linotti 2018-05-03 14:55
ne leggo di ben piu' gravi caro il mio erudito, nella forma e soprattutto nella sostanza. Ciao
Citazione | Segnala all'amministratore
#3 Crusco 2018-05-03 00:09
L'acca linó, l'acca... non uccidiamo pure la lingua italiana. Fortuna per votare basta una croce
Citazione | Segnala all'amministratore
#2 Filippo Linotti 2018-05-01 19:48
A voi manco i cani Vi votano più. Ai voglia a scrivere questi comunicati demenziali.
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 CarlandreaCaprossini 2018-05-01 17:54
Più perdete voti e più sputate veleno... tra un po' vi autoavvelenerete (con mio grande piacere...)
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER