Nuova sanitaria
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

POPOLOFAMIGLIAComunicato Ufficio stampa Popolo della Famiglia Umbria.

Il Convegno nazionale "Educare per il Domani - Famiglia Scuola e Società Insieme per il futuro delle nuove generazioni", che il Comune di Todi ha scelto di patrocinare ed ospitare presso il Palazzo comunale il 15 ed il 16 settembre, è stato una due giorni ricca di interventi sullo strategico e delicatissimo ambito del rapporto scuola-famiglia.

Conosciamo bene da sempre lo spirito e l'intento dell'Associazione "Articolo 26" la cui mission consiste nel conseguimento di una sempre maggiore incidenza nelle questioni riguardanti la difesa della libertà educativa dei genitori, inserita nell’ottica di un dialogo partecipato e attivo con la Scuola. 

Purtroppo il Convegno non ha ricevuto, ad oggi, la meritata attenzione dai media, nonostante la rilevanza delle tematiche affrontate, secondo noi fondamentali per innestare un cambiamento serio della e nella società, e la partecipazione di ospiti di riguardo, come lo scrittore e saggista Franco Nembrini e Anna Monia Alfieri, esperta di politiche scolastiche.
Fra i numerosissimi spunti di riflessione che relatori ed organizzatori hanno voluto inserire negli interventi al Convegno, apprezziamo e condividiamo soprattutto quelli che assegnano anche alla politica un compito fondamentale per riportare quel dialogo costruttivo fra le famiglie e chi ha responsabilità della crescita degli alunni: una vera e propria cooperazione fra i genitori e chi agisce con il loro consenso e su loro incarico.
Anche la nostra battaglia politica, in questo campo, parte dall’opposizione ad ogni tentativo da parte dello Stato di volere subentrare, in maniera silente e subdola, al diritto inalienabile e alla priorità educativa dei genitori nei confronti dei figli, con la finalità evidente di conseguire una manipolazione ideologicamente dittatoriale delle nuove generazioni. Per questo abbiamo contestato la legge 3/2017 approvata dalla nostra giunta regionale, il cui fine ultimo, non è sicuramente la lotta alle discriminazioni, oggetto della legge, ma la sospensione del ruolo educativo della famiglia, soppiantata dall’associazionismo LGBT, che vuole assurgere ad agenzia educativa.
In conclusione condividiamo pienamente le perplessità esposte dal Prof. Nembrini riguardo la necessità di favorire una vera autonomia scolastica, con le dovute tutele per il corpo docente, di cui peraltro si occupano instancabilmente i sindacati, affinché il dirigente scolastico possa avere la facoltà operativa di fare scelte relative al corpo docente in ordine alla qualità del proprio Istituto, non per ottenere prestigio ma solo per garantire la giusta e doverosa cura nei confronti dei giovani, che necessitano di un mondo adulto esemplare e veramente educativo.

Commenti   

#4 CarlandreaCaprossini 2018-09-19 18:19
@ pierdomenico

infatti sta diluviando...
Citazione | Segnala all'amministratore
#3 antonio rossi 2018-09-19 13:24
Perfetto.
Citazione | Segnala all'amministratore
#2 Maurizio Pierdomenic 2018-09-18 19:24
Alleluia!! Sono d'accordo con Carlandrea!
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 CarlandreaCaprossini 2018-09-18 07:24
Quand'ero bambino, come tutti i bambini che lo sono stati, lo sono e lo saranno, ero un vero e proprio terremoto che ne combinava di cotte e di crude sia a scuola che a casa.
Ma se la maestra me le suonava o, semplicemente, mi sgridava, e lo riferivo ai miei una volta tornato a casa, se mi andava bene mi sentivo rispondere "Ha fatto bene perché si vede che le meritavi" altrimenti c'era la replica. Mai e poi mai i miei genitori si sono permessi di contraddire o contestare i metodi educativi degli insegnanti.

Oggi, invece, assistiamo ad episodi come quello del ragazzino che nottetempo si introduce in un centro commerciale CHIUSO, precipita e muore. E' palese il fallimento educativo dei genitori che non hanno insegnato al proprio figlio che NON SI ENTRA in proprietà altrui senza permesso, specie se chiuse e NON HANNO CONTROLLATO quello che il figlio combinava visionando, anche saltuariamente, il suo profilo Facebook. Il padre del ragazzo, invece di meditare tutto ciò, incolpa il "Centro Commerciale" reo, a suo dire, di non aver protetto un'area VIETATA AL PUBBLICO.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER