Nuova sanitaria
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

piazzoliemele 2


“Todini al buon senso preferisce i dicktat della Marini”. Duro attacco del segretario della Lega Piazzoli e di Francesca Mele al Sindaco di Marsciano per aver firmato il protocollo attuativo della Legge 3 anche in qualità di Comune Capofila della zona sociale 4.


“La sottoscrizione, da parte del Sindaco del Comune di Marsciano del Protocollo attuativo della L. Reg. 3/2017 (omofobia e gender) anche in qualità di Comune Capofila della zona sociale 4 , lascia veramente l’amaro in bocca”.

 

Ad affermarlo il Segretario cittadino della Lega Ferdinando Piazzoli e Francesca Mele “Questa decisione, di chiarissima matrice ideologica, è certo riconducibile ai diktat della Governatrice dell’Umbria Catiuscia Marini la quale – in totale e stridente contrasto con il parere negativo espresso da autorevolissimi rappresentanti istituzionali come il Prefetto di Perugia e quello di Terni , il Comandante della Legione dei Carabinieri , il Rettore dell’Università di Perugia e infine la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale – ha deciso di portare avanti questa discutibilissima iniziativa.

Questo protocollo, che peraltro è in contrasto con la stessa Legge Regionale di cui dovrebbe rappresentare attuazione, di fatto consente alle associazioni gay e lgbt di intervenire nel processo educativo e formativo scolastico dei nostri figli.

In attuazione dei dettami delle teorie gender ed in nome della lotta alla discriminazione per l’orientamento sessuale, in questo protocollo – che si vorrebbe adottare senza neppure coinvolgere i genitori - si demanda a tali associazioni la formazione in ambito scolastico degli studenti riguardo appunto la materia dell’identità ed educazione sessuale.

E’ scandaloso che in un ambito tanto delicato , che dovrebbe rappresentare prerogativa principale dei genitori , si intervenga in maniera così irrispettosa dei diritti altrui e cercando di imporre in maniera coercitiva il pensiero di una minoranza.

Non crediamo infatti che , a parte il PD e le lobby gay e lgbt, ci possano essere molti genitori soddisfatti che ai propri figli vengano impartite lezioni riguardo l’identità sessuale a scuola, soprattutto da parte di chi del proprio orientamento sessuale ha fatto una bandiera da sventolare in ogni possibile occasione.

Riteniamo che , dopo aver concesso il patrocinio al Gay Pride (svoltosi a Perugia il 30 Giugno scorso) , il Comune di Marsciano , il Sindaco Todini (e quindi il PD ) abbiano dimostrato - con la sottoscrizione di questo scandaloso protocollo – quali siano per loro le reali priorità ed i criteri nel gestire la cosa pubblica e gli interessi dei cittadini.
La Lega di Marsciano contesta radicalmente questo modo di agire e di governare (che risponde solo alle logiche di partito e a distorte ideologie) e sottolinea anche in questo frangente la propria netta e decisa contrarietà ad ogni forma di intromissione nel processo educativo e nel ruolo , soprattutto per tali delicatissime materie , invece spettante ai genitori ed alle famiglie.

di Ferdinando Piazzoli e Francesca Mele  - Lega Marsciano.

   
© ALLROUNDER