Nuova sanitaria
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

rettim


La città non è rimasta indifferente. In molti hanno manifestato il loro disappunto alle Istituzioni in forma privata per non creare polemiche. "Abbiamo sbagliato".


Divenuto operativo il trasferimento di Fabiola Bernardini dalla direzione della Biblioteca Comunale, desidero, come regolare fruitore e, occasionalmente, collaboratore, e, proprio per questo, testimone del lavoro svolto dalla suddetta a vantaggio di quello che è divenuto, per suo merito, un polo culturale cittadino, esprimerle un pubblico ringraziamento e, al tempo stesso, manifestarle il rammarico per il suo decretato abbandono.

Non tanto, però, a titolo personale ( già fatto più volte in privato), quanto per contrastare una diceria messa in giro non si sa da chi, ma certo da ambienti interessati “a prescindere” alla sua rimozione: che contro il provvedimento si sarebbero levate solo voci “esterne” , addirittura di dubbia autenticità, mentre la città sarebbe rimasta indifferente.

E’ chiaro, a questo punto, che hanno sbagliato quanti di noi, appena avuta la notizia, si sono rivolti direttamente alle istituzioni in forma privata, proprio per non creare polemiche con intempestive uscite pubbliche, ma, al contrario, per chiedere spiegazioni su una vicenda che, al momento, poteva sembrare discutibile. E’ chiaro che hanno (abbiamo) sbagliato, perché se queste lettere fossero state altrettante dichiarazioni inviate alla stampa, avrebbero, esse, dimostrato che il provvedimento interessava (eccome!) alla città, ed interessava in un modo solo: che fosse revocato!

Sappiano, dunque, quanti non lo sanno, e se ne convincano quanti non vogliono sapere, che a difesa dell’operato della Bernardini si sono levate voci di fruitori della Biblioteca, di insegnanti della Media e del Liceo, di giovani lettori, nonché di cittadini qualsiasi. E al di là di ogni appartenenza politica. Esiste anche una raccolta di firme, promossa da due ex studenti. Parte di tutto ciò è stato consegnato a mano e regolarmente protocollato, parte espresso per mail.

Io non ne ho, evidentemente, conoscenza diretta ( tranne del testo preposto alla sottoscrizione), ma non lo immagino diverso da quanto ho espresso nella lettera da me inviata il 17 maggio, al Sindaco, al Vicesindaco e all’Assessore alla Cultura.

Ne riproduco un brano: “ E’ vero che esiste un “paese legale” delle leggi a cui il “paese reale” deve in qualche modo sottostare, ma è anche necessario che, nei loro specifici diritti, i due “paesi” debbano, semmai, integrarsi, non contraddirsi. Ora, la rimozione di Fabiola Bernardini dalla direzione della Biblioteca è evento che non trova giustificazione in nessuna norma da “paese reale ”, perché è evidente, deve essere evidente, che la turnazione interna alle cariche amministrative non possa procedere in senso meccanico, senza una valutazione di opportunità, di meriti, di esperienze, di competenze. O, al limite, di uno stato di necessità. E quale sarebbe, in tal caso, lo stato di necessità?

Quello di una Biblioteca che funziona benissimo, e non da ieri, ma da anni, da quando Fabiola Bernardini ne ha assunto gli incarichi direttivi, con competenze sia curriculari (ricordiamo che è laureata in lettere e archivista), sia acquisite con l’esperienza di quattordici anni, e di ammirevole dedizione, nonché di spirito di iniziativa? Una Biblioteca che ha incrementato presenze, sia di lettori che di spettatori e auditori, e che non è più soltanto un deposito di libri, un presta-riporta, come sostanzialmente era prima, ma un vivo e vegeto polo culturale? Una Biblioteca che si è attirata il plauso di moltissimi (ma direi tutti) gli stranieri residenti a Todi ( e voi sapete quanto conta, anche per l’immagine cittadina, tale apprezzamento)?

Io non trovo alcun motivo a giustificazione e non riesco a credere, ripeto, che il ricambio delle cariche sia automatico, alla cieca, un “a chi tocca tocca” e a “un dove si va si va”. Scusate, ma non può essere” . Lo pensavo tre mesi fa, lo ho pensato dopo la gentile risposta ( anch’essa privata) del sindaco, continuo a pensarlo. Capisco che l’Amministrazione Comunale non ha l’obbligo di rendere pubblico ciò che le viene inviato in forma privata (l’errore l’ha fatto chi, da principio, ha scelto quella via, dunque l’abbiamo fatto noi), ma lasciar correre sull’ipotesi di una generale indifferenza, no, questo non dovrebbe. Ha sufficienti prove che così non è.

di Manfredo Retti.

Commenti   

#25 luca 2018-11-02 12:28
La città?

La sinistra ora è solo una sparuta minoranza ed è l'unica che sbraita contro il trasferimento della bibliotecaria...
Citazione | Segnala all'amministratore
#24 antonio rossi 2018-11-02 12:18
Natürlich!
Citazione | Segnala all'amministratore
#23 Filippo Linotti 2018-11-01 23:38
Se po' fa'. Ce invitamo anche la bibliotecaria???
Citazione | Segnala all'amministratore
#22 antonio rossi 2018-11-01 20:00
A San Fortunato mejo de no. Fàmolo a Portaria...
Citazione | Segnala all'amministratore
#21 Filippo Linotti 2018-11-01 17:11
Nessun raduno allora?? Neanche nel nome di Lux???
Citazione | Segnala all'amministratore
#20 antonio rossi 2018-11-01 14:52
Benissimo detto
Citazione | Segnala all'amministratore
#19 CarlandreaCaprossini 2018-11-01 11:06
Tolomeo 78

Un non piddino che si esprime come un piddino allora ha bisogno di più di un team di bravi psichiatri.

@ no capr

le uniche fake news sono che tu sei intelligente e che sei democratico.


P.S.


Se DIFENDERE gli ITALIANI al pari almeno degli immigrati e prima delle bestie significa essere fascisti, sono FIERO di esserlo.
Citazione | Segnala all'amministratore
#18 antonio rossi 2018-11-01 10:34
Grazie Filippo ma per favore niente flash mob che mi fanno venire la diarrea
Citazione | Segnala all'amministratore
#17 Filippo Linotti 2018-11-01 08:45
Più che altro direi fermiamo questa insulsa anglofilia
Citazione | Segnala all'amministratore
#16 No Capr 2018-10-29 20:42
Per il bene dei lettori, fermiamo caprossini e le sue fake news
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER