Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

palazzopriori


Dopo la chiusura del Centro di Accoglienza straordinaria ed il caso della minorenne ospite del Centro Msna rimasta incinta, la  Fondazione Crispolti finisce al centro del dibattito politico tuderte. 


 

Tuzia“Egregio Signor Sindaco,

da settimane il pubblico dibattito tuderte è sollecitato sui temi dell’accoglienza e della carità. Per i rapporti che legano la città di Todi e la sua Chiesa particolare, sento il dovere di esprimerLe il mio disagio per l’atteggiamento emerso, anche nei consessi politico-istituzionali tuderti, nei confronti dell’Istituto Crispolti, che in qualità di Vescovo presiedo, e l’opera che questo Istituto compie.

Si tratta di una istituzione cittadina, ente di diritto pubblico fino a qualche mese fa e oggi divenuto per legge Fondazione a controllo pubblico. Lo è, prima di tutto, grazie all’opera e all’eredità spirituale dell’amato sacerdote Luigi Crispolti, figlio di questa Chiesa e di questa Città, padre dei poveri, che fin dalla seconda metà dell’Ottocento, con straordinaria lungimiranza, segnò a Todi il solco della carità verso bambini, ragazzi, orfani, emarginati. Quest’opera è arrivata fino a noi, attraverso i tempi e assumendo il volto delle diverse necessità: una storia di accoglienza, integrazione e promozione umana, verso numerose persone. Al Crispolti tutti hanno trovato rifugio, vissuto, studiato.

I 150 anni e più dell’Istituto sono un tratto essenziale e indelebile della storia della città; immerso nell’antico borgo, ha portato nel cuore di Todi la carità. Oggi la Fondazione Istituto Crispolti prosegue questa storia, sostenendo, nel cammino, bambini, giovani, donne e uomini. Abbiamo preso atto e accolto, senza polemiche, anche se con dolore, scelte e decisioni che non condividevamo.

Recentemente assistiamo ad interventi che ledono la positiva azione dell’Istituto, dei suoi operatori e della stessa chiesa di Todi, che si fa presente in queste Opere e le sostiene spiritualmente e anche economicamente, aggiungendo risorse a quelle pubbliche.

Credo fortemente che con questi atteggiamenti Todi non lede il sistema Crispolti, ma rinnega se stessa, un pezzo della propria storia, della propria identità di comunità di cui sentirsi orgogliosa. Rinnega l’insegnamento e la testimonianza di uno dei suoi figli migliori, Luigi Crispolti, la sua eredità spirituale e materiale.

È quanto di più prezioso ha ricevuto: il carisma della carità, dell’umana solidarietà, del sostegno agli ultimi. Un’eredità alla quale la chiesa di Todi, e con essa la Fondazione che presiedo, non rinunceranno.

Cercheremo nuove vie, ma non smetteremo di coltivare il sogno di Luigi Crispolti e di portare avanti, anche se con i nostri limiti, la sua concreta opera, oggi nostra, nel solco degli insegnamenti della Chiesa e dell’invito di Papa Francesco, ai quali richiamo con forza, in questa occasione, ogni discepolo del Signore Gesù e ogni persona di buona volontà.

Cordialmente”.

Benedetto Tuzia - Vescovo della Diocesi Orvieto-Todi.

 

 

RUGGIANOFASCIA“Eccellenza Reverendissima,

ho letto la Sua gentile, appassionata ed addolorata comunicazione, relativa alla sorte della Fondazione Crispolti.

Da Sindaco della Città e, soprattutto, da Suo servo fedele, non mi permetto di entrare nel merito delle Sue considerazioni, che in quanto espresse dal vertice, non solo spirituale, della mia Chiesa diocesana, mi appaiono degne della massima fede e della massima considerazione.

Ne prendo atto e mi accingo a farne massimo tesoro.

La Fondazione Crispolti è un patrimonio della Città, oltre che della Diocesi, alla quale va tutta la nostra considerazione, la nostra riconoscenza ed il nostro affetto, soprattutto nel ricordo del fondatore,… sacerdote esemplare ed apostolo della nostra città…, che ispirò la sua vita a sani principi conservatori per cui andava decisamente condannata ogni impostazione che facesse emergere “… Figli indocili ai padri, ribelli alle leggi, duellanti, comunisti, petrolieri. Se dai frutti si conosce qual sia l’albero, se dagli effetti n’è dato veder quale sia la causa, i pessimi risultati di tale educazione svelano chiaramente quanto ree siano le da voi decantate norme del progresso…

Non spetta al Comune entrare nel merito della gestione della Fondazione, della sua politica e delle sue prospettive, né sindacare se l’aver abbandonato la cura dei giovani tuderti, a favore di altre iniziative, sia o meno in linea con le intenzioni del fondatore.

Alla Fondazione Crispolti, come a tutte le istituzioni benemerite della Città, va il mio ed il nostro personale augurio di lunga e proficua vita.

Lavoreremo per questo, come abbiamo sempre fatto, nel rispetto della legge, cui tutti dobbiamo sottostare nessuno escluso.

Così come continueremo a praticare quotidianamente politiche di sostegno nei confronti degli ultimi, senza necessità di scrivere pubbliche lettere o proclami.

Le parole del Vangelo mi hanno insegnato a “… non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini…”.

Chi fa del bene ha già ricevuto la sua ricompensa”.

Devotamente Suo".

Antonino Ruggiano, Sindaco di Todi

   
© ALLROUNDER