Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

logocasapound


Le forze politiche si concentrino sui veri problemi delle persone invece di perdere tempo a scrivere fandonie.


Tra cinque stelle in caduta libera, ex presidenti di enti che hanno bisogno di scrivere una castroneria al giorno per gridare al mondo la propria esistenza e il Partito Democratico che oramai è più un caso umano che un movimento politico, travolto da scandali un giorno sì e l'altro pure, in questi giorni si è fatta una confusione tale da rendere difficile rispondere.

Per quello che riguarda gli enti Veralli cortesi ed Etab i rispettivi Cda stanno lavorando al meglio possibile rilanciando l'azione dopo anni di tirare a campare.
Per la Veralli cortesi da che pulpito si parla di competenza quando la passata gestione si è adoperata in una girandola di funzionari ( 8 responsabili del patrimonio e 5 segretari) creando una confusione tale che ancora l'ente ne sta risentendo.

Si fa disquisizione sugli statuti confondendo quelli approvati con quelli in via di approvazione, dimenticando che gli enti NON sono ancora trasformati in ASP e per tanto tante presunte "illegittimità" sono del tutto prive di fondamento in quanto riguarderanno gli assetti degli enti nel loro futuro.

Per quello che riguarda l'Etab invece, pur avendo dovuto far fronte a minori introiti dovuti alla nota vicenda riguardante il castello di Petroro, non solo non è venuta meno ad alcuno dei suoi compiti statutari di assistenza, beneficenza e tutela di un patrimonio artistico inestimabile come quello della Consolazione, ma si sono già messo in campo nuove iniziative come ad esempio il "Progetto Leonardo", un'opera di valorizzazione e ricerca dei legami tra il genio toscano e la rinascimentale chiesa tuderte della quale non si erano minimamente occupate precedenti gestioni e amministrazioni.

Ed infine, ancora si ritorna sulla storia della fusione degli enti quando il centro sinistra ha passato tutto il tempo a litigare invece di portarla a termine (quindi la volontà di trovare l'accordo non c 'è mai stata) e addirittura imputa a CPI ( che all'epoca non era presente in consiglio comunale) l'aver cambiato idea quando essa non è mai stata nel programma del nostro movimento.

Per concludere vorremmo che le forze politiche si concentrassero sui veri problemi delle persone, invece di dedicare tempo a scrivere fandonie figlie solo dell'invidia (politica e forse in qualche caso anche personale!).

Comunicato stampa CasaPound Todi

Commenti   

#3 Filippo Linotti 2019-05-13 21:14
Il bicchiere sa ragguagliarci su chi sia stato l' autore della ristrutturazione, sotto quale CDA è avvenuto e su chi ha spinto per questo eventuale uso non ortodosso????
Citazione | Segnala all'amministratore
#2 CarlandreaCaprossini 2019-05-13 15:17
Veramente signor Duralex le mani e i manganelli li usano i drogati dei centri sociali.
Se poi chi si difende risulta più bravo a suonarle non è colpa di chi viene aggredito.
Non è colpa di CPI se nei centri sociali insegnate solo l'uso smodato di droga per rincoglionirli e farvi votare...
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 Duralex 2019-05-13 12:55
Ad onor del vero quelli che tirano a campare sembrano proprio i nuovi Cda che ancora non hanno mosso una foglia nuova. Vi consiglierei, se posso, di non avventurarvi nel campo della legittimità degli atti perché è materia che non fa per voi che siete più abituati ad usare le mani e/o i manganelli. Lo Statuto vigente (art.10), e non quello futuro, è pubblicato sul sito ufficiale dell'Ente, come pure il regolamento (art.41) e chiunque potrebbe leggerli e accorgersi che siete voi a raccontare fandonie. La GPA o il CO.RE.CO. di una volta le Vs. recenti delibere sul personale apicale le avrebbe "seccate" senza farvi fiatare.
E poi da quando in qua CPI (ma chi è che scrive?) è diventata favorevole anche ai"ricongiungimenti familiari"?
Non è forse poi vero che Etab si è fortemente indebitata per restaurare un castello senza nemmeno destinarlo alle sue finalità istituzionali, quelle vere?
Non sarà infine che avete iniziato un'altra c.d." marcia su Veralli" per aiutare il Presidente senza indennità a dimettersi e andare a caccia dell'indennità stessa e/o dar luogo ad una pericolosa "successione dinastica"? Verrebbe quasi da dire con Cicerone: povera Veralli Cortesi," mala tempora currunt" ed anche "sed peiora parantur".
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER