giovanni chiappalupi
   
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

VANNINICANDIDATO


"Garantire il buon funzionamento dell'Isuc sarà uno dei compiti di cui ci faremo carico".


Apprendo dalla stampa e dalla pagina social dell’Isuc che lo stesso versa in una situazione piuttosto difficile.

Difendere le Eccellenze culturali della nostra Regione dovrà essere uno dei compiti precipui dei Consiglieri nella prossima Legislatura, sotto ogni profilo, anche e soprattutto nella dotazione delle risorse indispensabili al funzionamento.

Così, nel mettere in evidenza come l’Istituto per la storia dell’Umbria contemporanea (Isuc), ente pubblico della Regione che opera nel settore della ricerca sin dalla costituzione avvenuta con legge regionale nel 1974 e che ha come obiettivo statutario quello di approfondire e diffondere la conoscenza della storia dell’Umbria contemporanea promuovendo ricerche, studi e pubblicazioni, e di come, con l'organizzazione dei necessari e conseguenti convegni, mostre, seminari, presentazioni di libri, laboratori didattici per studenti e corsi di formazione per docenti abbia dato continuo lustro alla nostra Regione, mi preme anche sottolineare come ciò sia stato reso possibile dal lavoro di sei collaboratori dello stesso Istituto.

Occorrerà perciò, per garantire il buon funzionamento dell'Isuc, che il 30 novembre 2019, data di scadenza dei loro contratti, appunto possano essere immediatamente riconfermati e questo sarà uno dei compiti di cui ci faremo carico.

Andrea Vannini - Candidato al Consiglio Regionale PD

Commenti   

#1 Filippo Linotti 2019-10-17 08:23
L'istituto si puo' anche salvare, deve invece essere tassativamente cassata la storia contemporanea umbra.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER