Bruno Bertini
   
Corso Sub
   

vannini1


"Dividiamo il Comune in 4 o 5 zone grandi e ogni mese facciamo i tamponi a tutta la cittadinanza di una zona ed a campione nelle altre"


I Paesi che sono dovuti intervenire contro la Pandemia lo hanno fatto cercando di programmare una serie di procedure e sistemi di protezione, dall'uso delle mascherine alle disinfezioni, etc, tutte importanti ma delle quali tre sono considerati allo stato dei fatti, fattori più vincenti per la prima battaglia (e non la guerra, beninteso!).

Infatti la Cina ha sponsorizzato soprattutto il distanziamento sociale, la Corea del Sud la tracciabilità telematica ed, insieme alla Germania, tutte e tre la sistematica individuazione dei positivi (vedi anche alla voce Veneto).

Quest'ultimo provvedimento, lo screening di massa con i tamponi orofaringei, ha significato, poiché subito intrapreso, la individuazione dei positivi “asintomatici”, cioè i veri e propri untori misteriosi (i sintomatici, per definizione, sono “acchiappabili”, rintracciabili) con la loro messa coatta in isolamento, tracciabilità compresa.

Inspiegabile a tutt' il motivo per il quale in Italia non si sia proceduto anche su questa strada, che,  che siamo entrati in una crisi economica e sociale drammatica, crediamo possa avere una importanza ancora più rilevante; infatti se siamo convinti che occorra una riapertura delle attività economiche per ovvii motivi individuare questo fattore di rischio (la gente ricomincia a circolare) e metterlo in uso potrebbe diminuirne gli effetti negativi che i virologi ci sottolineano un giorno si e l'altro pure.

La mia proposta per Todi è quindi questa:

cerchiamo di riaprire (e dare sostegno e risorse le più possibili) le attività commerciali ma al contempo attiviamo lo screening per rintracciare i possibili asintomatici in circolo (anche da fuori Comune).
E ciò da fare in maniera dinamica, cioè non con un singolo unico intervento basale ma con un percorso a tappe nel tempo.

In breve la mia IDEA:

dividiamo il Comune in 4 o 5 zone grandi e, cominciando da subito, in un arco temporale successivo (ogni mese? Ogni 20 giorni?) facciamo i tamponi a tutta la cittadinanza di una zona ed a campione nelle altre.

Come tutte le cose del mondo e specialmente dinanzi a questo Virus di cui ancora così poco si conosce, potrà non funzionare perfettamente ma certamente sarà utile e ci potrà segnalare, insieme alla esperienza del Covid H di Pantalla, alla attenzione nazionale (almeno questo, visti i notevoli disagi sanitari che stiamo sopportando!).

Come sempre a disposizione per approfondimenti ed operatività del caso.

Comunicato Stampa Andrea Vannini - Consigliere Comunale PD

   
© ALLROUNDER