giovanni chiappalupi
   
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

mariotti1di Nicola Mariotti- CasaPound Italia.

"Ritengo opportuno intervenire e chiarire riguardo argomenti come scuola e giovani rispetto ai quali qualcuno a Todi sta effettuando una sorta di mistificazione nell'evidente ricerca di notorietà e visibilità elettorale - afferma in una nota Nicola Mariotti, responsabile tuderte del Blocco Studentesco e candidato consigliere con CasaPound Italia.

"Una ricerca di visibilità che verte su argomenti e questioni che non gli competono, soprattutto se di studenti non ci si è mai occupati.

Da tre anni il Blocco Studentesco a Todi è a difesa e a tutela dei diritti degli studenti - spiega Mariotti - ne sono massimi esempi la lotta iniziata tre anni fa con la raccolta firme sul "caro Trasporti " e gli annessi incontri con la Giunta Rossini purtroppo sorda alle nostre richieste; così come i nostri interventi sul materiale scolastico che scarseggia. Ricordo gli scioperi e le proposte di modifica portate ai consigli d'Istituto sull'inutile contributo volontario (anche qui la nostra pressione ha condotto a una modifica da parte della scuola collegandolo all'Isee).

"Potremmo continuare all'infinito - prosegue Mariotti - oltre ad occuparci di diritti abbiamo anche dato spazio allo sport e alla cultura nelle scuole. Abbiamo organizzato innumerevoli tornei studenteschi (calcio e volley) all'insegna dei valori dello sport e dell'amicizia, e numerosissime conferenze nelle varie scuole tuderti tramite le quali abbiamo dato la possibilità ai giovani di informarsi e approfondire tematiche importanti come il terrorismo, la prevenzione sull'uso di droghe, prevenzione e comportamento da seguire in caso di terremoto con il supporto della Protezione Civile".

"Ancora, e qui vorrei soffermarmi, abbiamo affrontato il tema della cosiddetta "TEORIA GENDER". Il nostro 'No' è stato immediato e non solo, abbiamo combattuto questa malata teoria con tanto di dibattiti all'interno degli istituti. Ci domandiamo ora - prosegue Mariotti - dove erano in questi anni coloro che adesso si proclamano "pro-giovani", cosa facevano mentre il Blocco Studentesco e gli studenti lottavano concretamente? Inoltre, io e tutto il Blocco studentesco rimaniamo sconcertati nel vedere parlare di teoria gender partiti che non fanno nulla di concreto per combatterla e che sperano di racimolare miseramente dei voti su argomenti da loro mai affrontati all'interno delle scuole".

"Come si dice in questi casi - conclude Mariotti - 'date a Cesare ciò che è di Cesare' e soprattutto non improvvisatevi giovani se dentro, ahi voi, siete vecchi. Viva i giovani!".

Commenti   

#2 CarlandreaCaprossini 2017-05-24 13:21
Tutto giusto.
Bravo Nicola!
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 Chiara gernini 2017-05-24 09:25
Gli unici che si battono da anni per gli studenti e i giovani sono i ragazzi del blocco studentesco e di CasaPound.Bravi
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER