Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   
   

pd
Comunicato stampa Gruppo Consiliare PD.

La Lega tuderte si è affrettata a comunicare alla stampa l’approvazione da parte dell’intera maggioranza (tranne il Sindaco, che, saggiamente, si è astenuto) dell’ordine del giorno sull’istituzione di una sport card che garantisca l’attività sportiva “a molti, ma non a tutti”. La solerte capogruppo leghista afferma che “dispiace il voto contrario delle forze di opposizioni che evidentemente non hanno a cuore disabili o famiglie in serie difficoltà economiche”.

Il contenuto del documento leghista, in parte, ricalca iniziative portate avanti dall’amministrazione di centro sinistra negli anni passati, che aveva stipulato intese e convenzioni con le organizzazioni rappresentative delle associazioni sportive, che dimostrassero l’intenzione e la capacità di accogliere nella pratica sportiva minori e persone con disabilità o in difficoltà dal punto di vista economico sociale.

Ci sembra giusto, allora, ribadire le motivazioni che ci hanno indotto a votare contro l’ODG leghista: i criteri che vengono proposti sono chiaramente discriminatori, infatti, se per le persone con disabilità o invalidità vengono stabiliti requisiti soggettivi ed economici per accedere al beneficio di riduzione delle tariffe di accesso agli impianti sportivi pubblici, per le famiglie con difficoltà economica viene aggiunto il requisito della residenza da almeno cinque anni nella nostra città. Quindi le famiglie italiane e straniere residenti a Todi da meno di cinque anni sarebbero escluse dal beneficio!

Cioè, un bambino o un adolescente, figlio di una famiglia (italiana o straniera) immigrata nel nostro territorio da meno di cinque anni, in difficoltà economica, non avrebbe diritto al beneficio della gratuità o riduzione della retta per l’accesso agli impianti sportivi.

Questo criterio è, palesemente, in conflitto con il principio universalistico di accesso ai contributi economici pubblici sancito dalle norme legislative e regolamentari, oltre che dalla Costituzione Italiana!

In Consiglio comunale abbiamo, inutilmente, proposto di adottare criteri diversi per riconoscere il beneficio individuato, affinchè si incentivi la pratica sportiva per quello che è, un’occasione di inclusione sociale e di integrazione culturale per tutti, soprattutto per chi è in difficoltà.

La capogruppo leghista ci ha spiegato che l’obiettivo è, invece, quello di favorire “l’appartenenza” al territorio della città di Todi, cioè: se sono di Todi accedo al beneficio, se sono straniero, di Roma, di Treviso o di Monte Castello di Vibio e sono in difficoltà economiche, ma non risiedo a Todi da almeno cinque anni, non accedo al beneficio!

Abbiamo proposto di togliere il requisito dei cinque anni di residenza, ma non c’è stato nulla da fare, perché tutte le forze di maggioranza si sono piegata al volere della “marziale” Lega tuderte.

Vigileremo che i provvedimenti della Giunta non recepiscano questa parte dell’ ordine del giorno.

Rassicuriamo le consigliere leghiste sulle nostre convinzioni in materia di politiche sociali a favore di famiglie e persone, che sono provate dai servizi e interventi a disposizione di cittadini e famiglie, che abbiamo contribuito a far crescere in questi anni, a Todi e nella Media Valle del Tevere.

Commenti   

+2 #6 Filippo Linotti 2017-12-05 18:57
Esatto Carlandrea, da che mondo e' mondo, per qualsiasi provvedimento vengono fissati paletti, qualcuno resterà sempre e comunque scontento.
Citazione | Segnala all'amministratore
+3 #5 CarlandreaCaprossini 2017-12-05 13:53
@ alessandro

la tua mi sembra un'interpretazione di parte.
Tuttavia se non si pone qualche paletto, tutti i residenti dei comuni limitrofi chiederebbero la residenza a Todi per depredare le risorse del comune.
Più che di cattiva pubblicità si tratta di tutelare i residenti e soprattutto le persone che hanno bisogno...
Citazione | Segnala all'amministratore
-4 #4 Alessandro 2017-12-05 08:17
Quindi se io volessi venire ad abitare a Todi non ho quelle agevolazioni perché non sto a Todi da cinque anni. Bel modo di fare pubblicità alla città. Vergogna lega nord
Citazione | Segnala all'amministratore
+12 #3 Alberto 2017-12-03 22:34
Tranquilli per voi del Pd non ci saranno limitazioni agli sconti
Citazione | Segnala all'amministratore
+1 #2 CarlandreaCaprossini 2017-12-03 21:44
'sti PiDocchiosi PiDioti non fanno un castro per interi lustri poi criticano qualsiasi iniziativa altrui andando a spulciare PiDocchiosamente il pelo nell'uovo.
Citazione | Segnala all'amministratore
-8 #1 Alessia *StellaRoss* 2017-12-03 19:25
Sta volta condivido , pure io ero scettica quando tempo fa uscì la notizia. È un atto disumano. Quindi se io sono a Todi da due anni non ci rientro bah...a destra vengono sempre fatte azioni per pochi. Che si torni su questa faccenda oscura e si faccia luce. Vediamo se il PD riesce a fare ancora qualcosa di caro al popolo.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER