Bruno Bertini
   
Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

pdComunicato stampa Partito Democratico - Todi.

Pensavamo che dopo le prese di posizione di più parti a livello locale e nazionale, gli articoli di stampa usciti su testate locali e nazionali, un' interrogazione parlamentare al Ministro dell'Istruzione, tutti contrari alla direttiva riguardante la disposizione di libri per bambini con presunti contenuti “riguardanti temi educativi sensibili” negli scaffali della Biblioteca Comunale, fosse stata archiviata. L'iniziativa dell'assessora alla famiglia, Alessia Marta (Todi per la Famiglia), e di quello alla cultura, Claudio Ranchicchio (Fratelli d’Italia) approvata dall'intera Giunta, pur restando a tutt' oggi un mero atto di indirizzo politico, viene invece ribadita dai due assessori sulla stampa locale come se fosse in procinto di essere attuata.

E come? ci chiediamo.

Ci vengono in soccorso le dichiarazioni degli assessori Marta e Ranchicchio che, come già comunicato sulla stampa nazionale, affermano di nuovo che: “...i libri non verranno portati via o nascosti chissà dove, ma semplicemente spostati in una diversa sezione della biblioteca, dove la consultazione dei testi avviene sotto la supervisione di un adulto..." (Marta) come se la consultazione dei libri da parte dei bambini non fosse sempre guidata dagli adulti! E ancora "...le modalità operative dello spostamento devono ancora essere definite e non esiste nè alcuna lista nera nè niente di simile. Individueremo alcune tematiche che riteniamo sensibili...che sono una priorità educativa delle famiglie." (Ranchicchio)

Ricordiamo ai due assessori, così attenti ai temi della famiglia, che la Biblioteca Comunale Leoni è una biblioteca pubblica e, come tutte le biblioteche pubbliche, aderisce al “Manifesto UNESCO per le biblioteche pubbliche” nel quale viene sancito in maniera inequivocabile che “Le raccolte e i servizi devono comprendere tutti i generi appropriati di mezzi e nuove tecnologie, così come i materiali tradizionali” aggiungendo che “Le raccolte e i servizi non devono essere soggetti ad alcun tipo di censura ideologica, politica o religiosa, né a pressioni commerciali.”

Non sappiamo quali siano le competenze dei due amministratori della città nel settore della letteratura per l’infanzia, che gli permetteranno di andare a selezionare personalmente i testi in questione, ma ricordiamo che l’attività di selezione, catalogazione dei libri per l’infanzia presuppongono competenze professionali, non politiche, come quelle degli editori, dei bibliotecari, degli insegnanti, dei pediatri e perfino degli uffici sanitari.

Attendiamo, dunque, di conoscere l’elenco dei libri da censurare. Attendiamo di sapere chi, dall’alto delle proprie competenze professionali, provvederà a selezionare i suddetti libri. Attendiamo di sapere quali sono i criteri che porteranno alcuni libri per bambini nella sezione adulti. Attendiamo di conoscere anche quali sono le idee del Sindaco della Città di Todi, Antonino Ruggiano, nel merito della questione.

Il partito Democratico, attraverso i propri rappresentanti al Senato, ha già presentato un’Interrogazione al Governo. Vogliamo fare luce su questa direttiva oscurantista che rischia di ledere la libertà di espressione.

Ancor più grave è che questo non rappresenta il primo tentativo di censura in Italia. Già a Venezia e in altre città è avvenuta la stessa cosa. Uno dei libri che ha ricevuto particolare attenzione per il suo “contenuto riguardante temi educativi sensibili” come li chiamano Marta e Ranchicchio è: “Piccolo Blu e piccolo Giallo” di Leo Lionni.

“Un giorno Piccolo Blu viene lasciato solo a casa e Mamma Blu gli raccomanda di non uscire. Piccolo Blu non ubbidisce e va in cerca del suo amico Piccolo Giallo. Dopo un bel girovagare Piccolo Blu riesce a trovare Piccolo Giallo. I due amici sono così felici di poter giocare insieme che si abbracciano fino a fondersi, diventando verdi. Una volta a casa, però, Mamma e Papà Blu non riconoscono il figlio e la stessa cosa capita a Piccolo Giallo. I due piccoli iniziano a piangere così tanto da ritornare ad essere blu e giallo. I genitori, allora, per la gioia di rivederli si abbracciano diventando anche loro un po’ verdi!.”

VOI LO SPOSTERESTE?

Commenti   

#8 luca 2017-12-20 11:47
spostare i libri da un settore ad un altro non è censura.
Citazione | Segnala all'amministratore
#7 Filippo Linotti 2017-12-19 16:18
Antonio hai ragione, la politica non dovrebbe interessarsi di queste tematiche, però purtroppo lo fa ed allora se possibile la stessa politica qualche rimedio lo deve pur trovare. Non è possibile digerire qualsiasi mostruosità ci venga somministrata da questa congrega di debosciati, in qualche modo bisogna ribellarsi. Per quello che mi riguarda chi si è preso a cuore questo abominio dovrebbe passare i prossimi dieci anni, almeno, ai lavori forzati, pane e acqua.
Citazione | Segnala all'amministratore
#6 Tudero 2017-12-19 02:29
@ Rossi
Si Antonio a priva vista possono sembrare stupidaggini ma sulla formazione e sul futuro dei nostri giovani bisogna stare molto attenti e non abbassate mai la Guardia, già nelle scuole in nome del cambiamento e del progresso cambiando e introducendo metodi e cose all'apparenza innocue e uguali hanno fatto dei grandi danni.
Personalmente io ai miei figli faccio leggere e racconto la storia di Capuccetto Rosso, Cenerendola, Biancaneve ecc. e se un un giorno un mio figlio ritornasse da scuola con un libro come "Piccolo Blu e Piccolo Giallo" Beh... avrei della carta per accedere il fuoco.
Antonio tanti auguri di Buone Feste.
Citazione | Segnala all'amministratore
#5 antonio rossi 2017-12-18 22:16
Non ci si capisce un €@&&0,è una trojata in ogni caso. A me comunque pare che la politica, da ogni parte, si dovrebbe incaricare di gestire bene la cosa pubblica, non di queste $¥®0NzA¥€.
Citazione | Segnala all'amministratore
#4 ? 2017-12-18 13:18
Si, si e ancora si!!!
Lo sposterei non una, ma un milone di volte!
Tanto i piccoli senza genitori in biblioteca non ci vanno e quindi che problema c'è se stanno un po'più in la?
Ma dite ai vostri bambini che non sono maschio o femmina, ma che possono/devono (dovranno prima o poi!) scegliere con calma, poi aspettiamo 5-10 anni e vediamo come siamo messi? Coraggio, correte pure il rischio sulla pelle dei vostri figli! per quanto mi riguarda la natura 2 generi ha creato MASCHIO e FEMMINAm tutto il resto è fantasia (ma anche egoismo!).
Ma ce staremo a rincoglioni' de brutto?????
Citazione | Segnala all'amministratore
#3 Filippo Linotti 2017-12-18 08:40
Il ministro della disistruzione, quella dei congiuntivi??? Gia' il fatto che non va bene a lei, dimostra la bonta' del provvedimento. Risalto sulla stampa: come se quattro sgangherati interventi su giornalacci possano influenzare le scelte amministrative. In quanto al Parlamento, credo che quei quattro scellerati pseudo umbri avrebbero dovuto seguire ben altre urgenti questioni che riguardano la ns Regione. Il genderismo e' una cosa aberrante e come tale va trattato.
Citazione | Segnala all'amministratore
#2 CarlandreaCaprossini 2017-12-18 07:53
Certo che lo sposterei.
Il fatto che voi, senza questi testi fondamentali siate cresciuti male non vuol dire che tutti avranno il vostro triste futuro.
Vannibi nella sua intervista diceva che i bambini non vanno in biblioteca da soli.
I bambini forse no, ma gli adolescenti si.
E voi di danni già ne fate troppi nelle scuole con i costri professori complici.
Basta!
Quanddo i bambini saranno (per l'anagrafe) adulti faranno le loro scelte.
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 Tudero 2017-12-18 00:50
Si, direttamente nel cassonetto.
Citazione | Segnala all'amministratore
   
© ALLROUNDER