Elio Andreucci
   
   
Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

nulligiuntadi Andrea Nulli Consigliere Comunale CasaPound.

“Come ampiamente detto in campagna elettorale - dichiara Andrea Nulli, neoeletto consigliere di CasaPound a Todi - siamo nettamente contrari all'apertura di qualsivoglia nuovo centro o struttura di accoglienza nella nostra città. E’ ormai chiaro a tutti, anche a chi in passato aveva posizioni più tiepide, che si tratta di un enorme business costruito sulla pelle degli italiani e anche dei ‘nuovi schiavi’ dei quali ormai si incoraggia l’arrivo in massa nel nostro paese, addirittura andandoli a prendere al largo delle coste libiche”.


“Il mio primo atto una volta insediato come consigliere comunale - prosegue Nulli - sarà una completa ricognizione su quanto sta accadendo in merito a Todi. Sappiamo che la risposta data dal sindaco uscente in campagna elettorale, sul fatto che non sarebbe stato aperto un nuovo centro d’accoglienza nella nostra città, è in contrasto con le informazioni di cui siamo attualmente in possesso. Andremo fino in fondo, mettendo in campo tutte le misure possibili, sia a livello istituzionale che se necessario con forme anche eclatanti di protesta, per scongiurare questa eventualità".

forzaitaliaComunicato stampa Coordinamento Comunale Forza Italia.

Bene stanno facendo il Sindaco e gli Amministratori appena nominati a ribadire la loro contrarietà nel merito della scelta di ubicare il depuratore cittadino nella zona Cascianella a ridosso del Quartiere Europa.
Come sottolineato dal PD nostrano la realizzazione del depuratore era stata avviata dalla precedente amministrazione di centro destra per mettere in sicurezza una sistuazione lasciata incancrenire dalle precedenti gestioni a guida Marini, attuale Presidente della Giunta Regionale.
Pertanto, tutte le accuse sulla situazione di eccessivo ritardo vanno rivolte a chi in tutti questi anni non ha saputo risolvere il problema.
Per F.I. il Depuratore andava realizzato a Porchiano, dove non ci sarebbero stati problemi di sorta e dove non ci sarebbe stato nemmeno il grattacapo delle stazioni di pompaggio che influiranno negativamente sulla gestione e sui costi.

valentinidi Manuel Valentini - Consigliere Comunale Partito Democratico.

Le elezioni amministrative che ci siamo lasciati alle spalle - ciò è sotto gli occhi di tutti i cittadini - hanno visto il verificarsi di alcune prorompenti novità nell'ambito della scenario politico tuderte, novità che meritano un'adeguata ed approfondita riflessione. Ben 6 candidati alla carica di sindaco, quasi 200 i candidati consiglieri: un unicum nella storia politica della nostra città. Per alcune forze politiche, addirittura, questo turno elettorale ha segnato l'ora del debutto, visto che esse si sono presentante per la prima volta davanti al corpo elettorale.

Sto parlando, come è ovvio, della Lega, del Movimento Cinque Stelle e di Casapound, tre liste che, sommate tra loro, hanno raggiunto quasi il 20% dei consensi. Ebbene, nonostante il profluvio di candidati e l'estrema frammentazione, il vero vincitore è risultato essere l'astensionismo.

FOTO 2Comunicato stampa Lega Nord Todi.

Sono passati 15 giorni dalla vittoria del ballottaggio e la Lega Nord Todi torna sul piede di guerra per ribadire il suo NO totale alla costruzione di un depuratore in zona Cascinella. Alle sette di questa mattina, coerenti con quanto promesso in campagna elettorale, l’Avv Toni Aiello in qualità di Commissario cittadino, i due consiglieri comunali appena eletti,  Antonella Marconi e Francesca Peppucci, assieme ai militanti Lega Nord Todi e ad alcuni componenti del Comitato “No Cascianella”, hanno presidiato pacificamente il cantiere ove si stanno svolgendo i lavori di costruzioni del depuratore incriminato.

pdComunicato stampa Partito Democratico Todi.

Ancora oggi in Italia circa il 25% delle acque di fognatura viene scaricato in mare, nei laghi, nei fiumi senza essere opportunamente depurato con gravi danni alla fauna, alla flora, alla salute umana. E tra questi c’è anche il nostro comune. Oltre ai richiami decennali dell’Unione Europea, oggi c’è anche la legge sugli eco-reati approvata dal parlamento italiano nel maggio del 2015 che sanziona durante i responsabili di inquinamento ambientale.
Il nuovo articolo 452-bis del codice penale punisce l'inquinamento ambientale con la reclusione da 2 a 6 anni e con la multa da 10.000 a 100.000 euro per chiunque cagioni una compromissione o un deterioramento "significativi e misurabili" dello stato preesistente "delle acque o dell'aria, o di porzioni estese o significative del suolo e del sottosuolo" o "di un ecosistema, della biodiversità, anche agraria, della flora o della fauna.

primierigiunta 1di Moreno Primieri - Assessore LLPP e Urbanistica.

Era assordante prima ed è assordante oggi il silenzio di Umbra Acque sulla consegna parziale dei lavori all'Associazione Temporanea di Imprese che dovrà realizzare le condotte ed il Depuratore cittadino.
Fuori luogo appare la prima stazione di pompaggio ubicata a Ponte Naia in prossimità di un centro abitato, vicino alla strada comunale e a ridosso della conduttura del metanodotto.
Peraltro, il sito individuato, è all'interno di un'area fortemente a rischio di esondazione.
Occorre anche evidenziare che si è proceduto con uno scavo di 8 m. di profondità con un cantiere non allestito secondo le norme di sicurezza interne ed esterne.
Nel ribadire tutta la contrarietà di merito dell’attuale Amministrazione comunale sulle scelte progettuali, si esprime un forte disappunto per la mancata informazione sull’inizio dei lavori.

LOGO5STELLEComunicato stampa Tuderti 5 Stelle.

La precedente amministrazione si è ben guardata dal cominciare i lavori del depuratore in campagna elettorale, dopo tutto il clamore suscitato dalla vicenda, sarebbe stato sconveniente mostrare alla città la vera entità e la locazione esatta del progetto: “ MEGLIO ATTENDERE IL VERDETTO DELLE URNE”.
Questo però ha generato un ritardo nello svolgimento dei lavori, così le ditte appaltatrici, non potendo preparare come prima cosa le opere di adeguamento della viabilità, per recuperare il tempo perduto, hanno provato a far transitare autotreni e mezzi pesanti su una strada privata strettissima, realizzata e mantenuta da alcune famiglie residenti.

pdComunicato stampa Partito Democratico - Todi.

Martedi 4 luglio si è riunito il coordinamento comunale del Partito Democratico per discutere dei risultati delle recenti elezioni comunali. Innanzitutto è stato espresso un ringraziamento a Carlo Rossini e a tutte le candidate e candidati che con passione e sacrificio si sono impegnati nella campagna elettorale.

La sconfitta per pochi voti pesa su ciascuno di noi e a ciascuno di noi impone una analisi ed una riflessione profonde. Serve un’assunzione di responsabilità collettiva. Sicuramente occorrerà riflettere sugli errori e sui limiti della nostra azione. Ma con umiltà e responsabilità occorre ripartire per svolgere con forza e determinazione il ruolo di opposizione e di proposta alla città intera.

   
© ALLROUNDER