Bruno Bertini
   
Nuova sanitaria
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
centro servizi
   

memorialfedericopanfilidi Simone Mazzi

Tutte le cose belle hanno una fine, persino le iniziative volte a ricordare chi nella propria vita ha lasciato un segno. Inserito nella Festa di San Michele Arcangelo – Festa del Grano, quest’anno non si è svolto, con grande sorpresa della famiglia, il tradizionale Memorial Ciclistico dedicato a Federico Panfili giunto alla XIII edizione. L’iniziativa, organizzata dall’A.S. Dilettantistica U.C. NESTOR SEA Marsciano e la Pro-Loco di Sant’Angelo di Celle, coinvolgeva numerosissimi allievi e le loro famiglie, ed era particolarmente apprezzata dalla famiglia di Federico, che proprio conoscendo le tante difficoltà che si incontrano, aveva più volte ringraziato chi si era speso a vario titolo, perché potesse continuare questa bella iniziativa.


Anche quest’anno, nulla lasciava presagire l’interruzione del Memorial e tutta la comunità di Sant’Angelo di Celle spera che tale scelta non sia definitiva, ma solo un segnale, un S.O.S. lanciato magari dagli organizzatori, per chiedere l’aiuto di nuove forze e un maggior coinvolgimento dell’intera comunità, poiché troppo spesso chi organizza viene lasciato solo ed il suo valore si comprende solo quando questo viene a mancare.
Per ricordare Federico ci sarà comunque l’occasione durante la Santa Messa che sarà celebrata dal Parroco Don Gino il 14 Luglio 2018 alle ore 18,00, e fermo restando che non ci sono persone di serie A e di serie B, Federico meritava di essere celebrato soprattutto quest’anno, perché ciò che lui e la sua famiglia hanno dato e continuano a dare per la comunità, non finisca in soffitta, questa sarebbe davvero una sconfitta, per tutta la comunità.
Se il Memorial non si può più fare, ci sono tante altre iniziative per ricordare Federico, da quelle di solidarietà e di beneficenza a quelle per i giovani (magari con un Campus estivo che coinvolga catechisti e ragazzi del paese) e la famiglia spera che tutti coloro che hanno vissuto accanto a lui, possano continuare a renderlo vivo.

   
© ALLROUNDER